Al momento stai visualizzando Cammino di Santiago: da Espinal a Pamplona

Cammino di Santiago: da Espinal a Pamplona

Diario di viaggio lungo il Cammino di Santiago: seconda tappa

Questo è il racconto di Virginia e Federico, due ragazzi abruzzesi di L’Aquila che hanno deciso di intraprendere questo lungo Cammino di Santiago sull’itinerario francese; un percorso difficile da Saint Jean Pied de Port alla Cattedrale de Compostela. Un resoconto spontaneo e ricco di spunti interessanti; parole sincere piene di sudore e fatica, di sacrificio e forza di volontà. Qui trovate un riassunto di tutto il Cammino Francese, informazioni sulle tappe, costi ed approfondimenti passo dopo passo!

paesaggi e campi di grano sul cammino di santiago - blog di viaggi

Tappa n.2: da Saint Jean Pied de Port ad Espinal

La sveglia suona alle 6:00 per tutta la camerata, colazione tutti insieme, una chiacchierata, qualche risata con un gruppo di italiani prima della partenza, scambio contatti social e partenza in direzione Pamplona, tappa estremamente lunga anche oggi. Partiamo con alcuni ragazzi del Nord che hanno condiviso l’ostello con noi, ma ben presto li perdiamo per via del loro passo veloce.

Dopo 13 km di cammino tra boschi e vallate meravigliose arriviamo a Zubiri, tappa “predefinita per chi arriva da “Roncisvalle”, ma noi, come già accennato in precedenza puntiamo convinti verso Pamplona. Il tratto successivo Zubiri è abbastanza noioso con molte discese tra zone grigie e nuclei industriali ma fortunatamente dura molto poco, ritrovandoci, come accade molte volte di attraversare paesi e paesaggi.

La tratta fino alla grande città ci appare stremante, forse succubi del caldo e della stanchezza. In lontananza ci appare il borgo di Arre che sorge lungo le sponde di un fiume, un bellissimo borgo medievale molto curato.

camminando lungo il cammino di Santiago itinerario francese - blog di viaggi

L’arrivo a Pamplona nel tardo pomeriggio ci costringe a trovare subito una sistemazione per la notte, puntando cosi al grande ostello conosciuto con il nome “da Jesus e Maria” con più di 100 posti in pieno centro storico. Il dormitorio è bellissimo ed organizzato in maniera impeccabile! Doccia, cambio, lavaggi vari ed usciamo. Pamplona ci ha estasiati, è una città stupenda piena di vita. Ci dirigiamo da “la mandarra de la ramos” dove a quanto abbiamo capito e poi appurato, fanno le migliori tapas di Pamplona. Proseguiamo con una passeggiata ed un gelato nella bellissima piazza Castillo. Rientriamo in ostello, e dopo una serie di esercizi di stretching e massaggi con vasellina andiamo a dormire, con qualche dolorino in più (sopportabile) ma pienamente soddisfatti dei nostri 40 km.

All’indomani ci attende Puente la Reina!!!

Se vi siete persi il racconto della tappa precedente cliccate qui.

Ti è piaciuta la mia esperienza?

Voto medio 0 / 5. Voti totali: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Lascia un commento