Al momento stai visualizzando Organizzare un viaggio in Cina fai da te

Organizzare un viaggio in Cina fai da te

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Asia
  • Commenti dell'articolo:0 commenti

Viaggiare zaino in spalla in Cina

Il fascino dell’Oriente prima o poi colpisce tutti, anche i più scettici verso questa potenza mondiale come la Cina, un Paese in costante crescita economica, spesso snobbato per i confronti culturali con i cugini giapponesi e coreani; viaggiare zaino in spalla in Cina è una sorpresa in ogni città, nei mercati locali, nella metro e lungo le strada; resta comunque un Paese dai grandi contrasti, con città super tecnologiche da milioni e milioni di abitanti e villaggi rurali, poveri ed autentici.

Scoprire un Paese cosi grande richiede una organizzazione dettagliata, quasi maniacale per molti fattori, come quello della lingua ed il modo di comunicare in un Paese dove la maggioranza delle persone non conosce l’inglese. Un ostacolo però superabile perché i cinesi si mostreranno disponibili per qualsiasi aiuto ed esigenza. Non lasciatevi spaventare nell’organizzazione del vostro primo viaggio in Cina, partite con largo anticipo nella pianificazione e seguite pochi semplici consigli.

Se volete pianificare parte delle escursioni già dall’Italia date un’occhiata ai tour imperdibili da fare in Cina; oltre centinaia di attività in differenti città del Paese Asiatico.

Fotografare i volti cinesi per le strade di Pechino - blog di viaggi

Itinerario di 10 giorni in Cina

Scegliete cosa visitare, quali regioni e città vi interessano più delle altre: i giorni a disposizione purtroppo condizionano notevolmente l’itinerario, ed in Paesi come la Cina è bene optare per spostamenti interni raggiungili in tempi brevi. Ho scelto di dedicare un numero maggiore di giorni alle due città più importanti ed optare per escursioni in giornata utilizzando i trasporti cinesi (impeccabili e puntualissimi). Ecco il mio itinerario in Cina zaino in spalla:

  • Pechino
  • Xi’An
  • Shanghai
  • Suzhou
  • Hangzhou
Passeggiando per le strade di Pechino in Cina - Blog di viaggi

Ho dedicato 4 giorni a Pechino con escursione alla sezione della muraglia cinese di Mutianyu che vi spiegherò nei successivi articoli come raggiungerla in maniera autonoma. Da Pechino ho raggiunto in poche ore la città di Xi’An in treno soggiornando una sola notte, per poi dedicare i restanti giorni alla visita di Shanghai e dintorni.

Gruppo turistico cinese a Pechino - blog di viaggi

Carta e penna alla mano appuntatevi questi 5 consigli utili per organizzare un viaggio in Cina fai da te seguendo questo elenco che vi mostrerò:

  1. scegliete il vostro ideale itinerario facendo prevalere quello che realmente volete visitare;
  2. prenotazione del volo di a/r in base ai giorni a disposizione;
  3. almeno la prenotazione della prima notte (con cancellazione gratuita su booking);
  4. prenotazione eventuali viaggi in treno o voli interni;
  5. Preparazione di tutta la documentazione per il visto.
Viaggiare zaino in spalla in Cina a contatto con il popolo locale - blog di viaggi

Visto per la Cina fai da te

Una volta ottenuti i primi 4 punti della lista, la documentazione per entrare in Cina è l’ultimo passo prima della partenza: sono del parare che il vero viaggio parte dalla fase di organizzazione e di preparazione; fare il visto per la Cina in maniera autonoma senza affidarsi ad agenzie è molto semplice ma richiede alla base una definizione quasi completa del viaggio: dai voli alle prenotazioni alberghiere agli spostamenti interni. Insomma prima di inoltrare la richiesta, completate il vostro itinerario al 80 %. E’ bene rispettare alla lettera tutte le richieste che verranno descritte per evitare integrazioni e ritardi sulla consegna del visto.

Come ottenere un visto per la Cina fai da te - blog di viaggi
All-focus

Ho utilizzato il Centro Visti per la Cina a Roma per consegnare a mano tutta la documentazione richiesta ben descritta nel sito in allegato. Una volta approvata tutta la documentazione dal delegato di turno, pagherete l’intera somma allo sportello con una ricevuta di ritiro a mano oppure la raccomandata di consegna a domicilio. Il prezzo è di circa 127 euro ( aggiornato al viaggio nel 2019)

Come prenotare i treni in Cina

I treni in Cina sono affidabili, puliti, confortevoli e puntualissimi: dopo questa premessa, prenotare un treno in Cina è un’operazione non banale perché bisogna affidarsi ad agenzie on-line che procederanno ad acquistare i tickets, e sarete voi a ritirarli di persona in qualsiasi stazione (è possibile ritirare tutti i biglietti in una sola stazione). Sono siti affidabili con comunicazione esclusivamente in inglese vie e-mail; DIY Travel è l’agenzia che ho utilizzato per prenotare i treni in Cina. Il consiglio è di bloccare gli spostamenti a lungo raggio con molto anticipo essendo tratte molto richieste: in ogni caso, queste agenzie effettueranno la prelazione del biglietto ed al momento delle aperture delle vendite (circa 30 giorni prima della partenza) procederanno con l’acquisto finale.

Come prenotare i treni in Cina - blog di viaggi
Come leggere un biglietto dei treni in Cina - blog di viaggi

Ho prenotato dall’Italia soltanto due biglietti, da Pechino a Xi’An e da Xi’An a Shanghai, viaggiando sui treni super veloci che in poche ore mi hanno consentito di raggiungere le destinazioni senza perdere ore da dedicare alla visita delle città. Entrare nelle stazioni dei treni è come avere una piccola città dentro mega strutture in acciaio: ad ogni ingresso sono posizionati i tornelli ai quali viene consentito l’accesso soltanto ai possessori del biglietto o della prenotazione on line.

Quanto costa viaggiare in Cina?

Se utilizzate un budget ridotto non preoccupatevi perché in Cina si può davvero viaggiare in maniera low cost. Ho trascorso 10 giorni dormendo in ostelli, mangiando nei mercali locali, acquistando prodotti di artigianato e visitando templi ed attrazioni senza pormi limiti perché i prezzi sono limitati. Tolto il volo, il visto ed eventuali spostamenti interni il resto è tutto accessibile. Per darvi un’idea di quanto si spende in Cina, riepilogo alcune delle spese fisse da sostenere:

  • Volo Roma-Pechino e Shanghai-Roma 500 euro;
  • Visto 127 euro;
  • 2 tratte con i treni proiettile 183 euro;
  • ostelli da 10 euro a notte;
  • trasporti in metro da 0.20 centesimi a corsa;
  • il cibo varia da 1 a 3 euro dei street food ai massimo 5 euro nei ristoranti tipici di basso profilo;
  • Per le attrazioni e templi i prezzi non superano i 10 euro, tranne per l’esercito di terracotta a Xi’An dove si pagano circa 20 euro per l’ingresso.
Visitare la sezione della Muraglia Cinese di Mutianyu a Pechino - blog di viaggi

Cose utili da sapere per un viaggio in Cina

  • Moneta: La valuta cinese è il renminbi, mentre lo yuan è l’unita di base. Attualmente 1 CNY corrisponde a 0.13 euro. Nel mio viaggio in Cina non ho trovato nessun Exchange money, ricordatevi di cambiare i soldi nelle banche Cinesi le cosiddette Bank of China;
  • Documenti: Vige l’obbligatorietà del passaporto con una validità superiore ai 6 mesi dalla data di arrivo e del visto. Per restare sempre aggiornati consiglio di leggere attentamente eventuali novità su Viaggiare Sicuri;
  • Rete telefonica ed Internet: In Cina è di vitale importanza usare l’applicazione WeChat, per chiamare, messaggiare, acquietare e prendere la metro e addirittura per fare le offerte ai mendicanti. Con questa applicazione i cinesi fanno praticamente tutto; Internet si trova praticamente ovunque ma per utilizzare i servizi di Google è necessario scaricare dei VPN;
  • Libro da leggere: Oltre la Muraglia di Colin Thubron.
Fabio Sansone in viaggio zaino in spalla in Cina - Blog di viaggi

Ti è piaciuta la mia esperienza?

Voto medio 5 / 5. Voti totali: 1

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Lascia un commento