Al momento stai visualizzando Viaggio zaino in spalla in Iran

Viaggio zaino in spalla in Iran

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Asia
  • Commenti dell'articolo:4 commenti

E’ possibile viaggiare zaino in spalla in Iran fai da te?

Non avrei mai pensato di organizzare un viaggio in Iran in solitaria ed in totale autonomia. Mi sono appassionato all’Iran leggendolo sulle riviste, studiandolo all’Università per le sue torri bioclimatiche ed assaggiandolo per la sua cucina molto delicata e prelibata, ma purtroppo ne ho anche sentito parlare male in tv. Nel mio viaggio zaino in spalla in Iran ho approvato e smentito tutte le notizie che mi erano pervenute prima della partenza, lasciando da parte inutili stereotipi. Prima di partire per l’Iran bisogna lasciar perdere notizie false, ma parlare e chiedere consigli a chi l’ha vissuto in prima persona: a tal proposito cerco di dare preziosi consigli su come organizzare un viaggio in Iran zaino in spalla.

Viaggio zaino in spalla in Iran - Blog di viaggi

Come si prepara un viaggio in solitaria in Iran? A mio parare, non ho avuto nessuna difficoltà nel prepararlo, soltanto qualche intoppo burocratico al momento della richiesta del visto. L’Iran è un Paese dove bisogna rispettare rigide regole, e se rispettate non ci sarà alcun tipo di problema. Ho viaggiato in Iran per due settimane con lo zaino sulle spalle, con trasferimenti molto comodi da città in città, ho dormito in ostelli, sono stato ospitato a casa della gente iraniana attraverso la piattaforma di couchsurfing, ho pranzato e cenato con le numerose famiglie iraniane, ho fumato la shisha e bevuto del tè. In Iran si vivono esperienze di viaggio vere e proprie. La gente ti ferma per strada perché vuole un ricordo di te, vuole una foto, un selfie o semplicemente conversare in inglese per migliorare il loro livello.

Jameh Mosque ad Esfahan - blog di viaggi

E’ pericoloso viaggiare in Iran?

E’ pericoloso parlare male dell’Iran senza conoscere, questo si che è un vero danno per il Paese, non solo da un punto di vista turistico. La gente iraniana è terrorizzata al pensare che al di fuori del suo territorio tutti parlano male di loro: ogni persona che incontravo per strada, mi fermava per chiedermi cosa pensasse l’Europa di loro. Questo si che terrorismo psicologico: fare del male ad un Paese ancor prima di conoscerlo!

La moschea Vakil a Shiraz in Iran - Blog di viaggi

Itinerario di viaggio in Iran: Qom, Kashan ed Esfahan

Nel 2018 la compagnia russa Aeroflot volava su Teheran con partenza da Bologna: le pratiche di visto all’Aeroporto di Imam Khomeini furono abbastanza rapide. Acquistai subito la sim-card iraniana nell’attesa del driver per Qom. (in Iran è necessaria l’attivazione del VPN). Mohammad è un giovane ragazzo iraniano, tifosissimo del Milan (squadra molto seguita nel Paese) conosciuto sul gruppo di facebook “see you in Iran” dove si offrì di accompagnarmi nelle varie tappe fino ad Esfahan. Mi chiese se insieme a noi potesse venire anche la sua fidanzata, voleva regalarle qualche giorno di vacanza. La mia risposta ovviamente fu si, e solo al pensiero ero molto emozionato di effettuare un viaggio nel viaggio con persone locali, con la possibilità di scoprire a fondo la loro immensa cultura. Il mio contributo fu quello di pagare il gasolio per l’intero viaggio di andata e ritorno, loro invece ricambiavano ogni mattina con colazione a sacco e splendidi itinerari: si, la colazione iraniana è un momento magico e molto importante per loro. Tutte le mattine gli iraniani si riuniscono nei giardini pubblici di qualsiasi città, sono i luoghi più freschi per ripararsi dal caldo torrido.

Donne iraniane nella piazza dell'Imam Naqsh-e jahàn - blog di viaggi

Le tappe intermedie furono Qom e Kashan; ci salutammo ad Esfahan ma ancora oggi siamo in contatto soprattutto per vicende calcistiche legate alla nostra squadra del cuore. Ad Esfahan mi fermai tre giorni, prima di effettuare il mio primo trasferimento per Yazd dormendo sui Vip-Bus. I biglietti per questi autobus comodi notturni si possono fare direttamente in ostello. Anche a Yazd ho soggiornato 3 notti e finalmente coronavo il sogno di vedere da vicino ciò che avevo studiato: le torri del vento iraniane sono il classico esempio di Architettura bioclimatica molto importanti per il raffrescamento interno in luoghi cosi aridi.

Viaggio a Yazd in Iran - blog di viaggi
Le torri del vento iraniane a Yazd - blog di viaggi

Cosa vedere a Shiraz e dintorni

Ho percorso la tratta da Yazd a Shiraz sempre con driver, ma con un altro Mohammad contattato sul gruppo di facebook. Shiraz è sicuramente la città più turistica e frequentata dell’Iran. Le sue attrazioni sono di notevole importanza, dalle moschee ai giardini fino ai caravanserragli. Nei suoi dintorni invece, è possibile visitare il sito archeologico di Persepolis, il lago di sale rosa Maharlu Lake ed il villaggio di Ghalat a soli 30 km di distanza. E’ proprio qui, in queste piccole realtà che si scopre la tanto proclamata ospitalità iraniana: durante il mio lento scoprire fui invitato a trascorrere alcune ore in compagnia di famiglie iraniane riunitesi in pic-nic. Si mangia e si balla in continuazione, il tutto accompagnato dall’immancabile tea. Per la prima volta nel mio viaggio in Iran, vedo le donne iraniane senza alcun velo; lontane da tutto, anche loro riescono ad avere momenti di pura libertà.

Vedere i riflessi della Pink Mosque a Shiraz - Blog di viaggi
Bambini iraniani nella Pink Mosque a Shiraz - Blog di viaggi

Da Shiraz a Teheran rientro con un volo interno della Mahan Air. Ad attendermi all’aeroporto trovo Saeed, conosciuto su couchsurfing, che gentilmente si offrì anche di venirmi a prendere in piena notte. E’ un grande cuoco, ed insieme ad un altro ospite austriaco ci deliziò con la sua cucina. Anche negli ultimi giorni a Teheran l’ospitalità è stata eccezionale. Ecco in dettaglio il mio itinerario zaino in spalla in Iran:

  • Napoli-Bologna-Teheran;
  • Teheran-Qom;
  • Qom-Kashan;
  • Kashan-Esfahan;
  • Esfahan-Yazd;
  • Yazd-Persepolis-Shiraz;
  • Shiraz-Teheran;
  • Teheran-Bologna-Napoli.
La torre Azadi a Teheran in Iran - Blog di viaggi

Preparare lo zaino da viaggio per l’Iran

Per un viaggio in Iran di due settimane preparare lo zaino da 50 litri è più che sufficiente, ma attenzione perché ci sono delle regole da rispettare, sia per l’uomo che per la donna a causa di alcuni divieti imposti dalle regole islamiche in Iran. Ecco la mia lista di cose per un viaggio in Iran:

  • pantaloni esclusivamente lunghi, molto leggeri e di seta, sono vietati gli shorts;
  • maglie a maniche corte per l’uomo, invece la donna dovrà coprirsi fino al polso;
  • velo per le donne: di solito i controlli non sono cosi rigidi per le viaggiatrici, basterà coprirsi il capo con un semplice foulard;
  • cappello: è fondamentale nei villaggi a pochi passi dal deserto;
  • crema solare: indispensabile;
  • borraccia in alluminio: in Iran troverete fontane pubbliche quasi ovunque con acqua davvero molto buona;
  • macchina fotografica: attenzione solo a non fotografare siti sensibili in presenza di polizia;
  • taccuino: mi raccomando, scrivete perché sarà un viaggio indimenticabile.

Ti è piaciuta la mia esperienza?

Voto medio 5 / 5. Voti totali: 2

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Questo articolo ha 4 commenti

  1. gianni

    andro’ in settembre zaino in spalla…pensi che con mille euro,oltre il volo,si possa fare? difficile cambiare i soldi ?

    1. Fabio Sansone

      Ciao Gianni… assolutamente si, il tuo budget è molto considerevole. Meglio abbondare con i contanti perché penso sia difficile ed impossibile prelevare con le nostre carte.
      Per il cambio non avrai nessun problema. Sarà un grande viaggio

  2. angelica

    Ciao!! io ci andrò a dicembre dal 24 al 10 gennaio. un po’ mi rode per non potere fare tutte queste bellissime foto sceniche con l’hijab e i mille colori ma vabeh.
    Ora, ottobre 2023…. ci andresti? anche io in palestina e giordania ho viaggiato così però su CS ho conosciuto un ragazzo che è anche una guida e mi ha proposto un tour comodo, che mi alletta soprattutto per avere spiegazioni però….vorrei viaggiare con lo zaino e prendere i loro mezzi c’è unm odo per sentirsi?

    1. Fabio Sansone

      Ciao Angelica
      Il periodo sarà ottimo per visitare l’Iran e le foto non sono una necessità l’importante é entrare e conoscere la loro cultura. Ho viaggiato con CS anche se vietato dal loro regime. Oggi ritornerei in Iran senza problemi rifacendo tutto come 5 anni fa.

      Scrivimi in pvt su blogdiviaggilovest@gmail.com

Lascia un commento