Al momento stai visualizzando Cosa vedere ad Edimburgo in 2 giorni

Cosa vedere ad Edimburgo in 2 giorni

Guida “fai da te” di Edimburgo

Questo è il racconto di Eleonora e Sara, sorelle esploratrici ed abruzzesi di nascita, unite da un’unica passione per i viaggi; grazie alle loro storie, vi porteranno con la mente in giro per il Mondo, nei luoghi tanto amati e sognati fin da piccole:

Viaggiare è una delle tante forme che esprime in pieno la libertà di un individuo.

Come muoversi a Edimburgo 

Muoversi a Edimburgo è semplice, ed il mezzo più usato è sicuramente l’autobus, i biglietti si fanno direttamente a bordo, ma ricorda di preparare gli spicci perché non avrai resto, in alternativa si può pagare comodamente con la carta. Capitale della misteriosa Scozia, Edimburgo regala scorci e panorami meravigliosi ed è una di quelle città che non ci si stanca mai di girare a piedi

Visitare Victoria street ad Edimburgo - Blog di viaggi

Come orientarsi a Edimburgo

Orientarsi nella Old Town di Edimburgo è molto intuitivo se teniamo in considerazione le due delle principali attrazioni: Il castello di Edimburgo (a ovest) e il Palazzo di Holyrood (a est) che sono uniti da “Royal Mile” (la via più antica di Edimburgo, lunga appunto un miglio scozzese, unità di misura che ebbe origine proprio da qui e che corrisponde a 1814.2 metri). Il North Bridge unisce Royal Mile a Princes Street (la via dello shopping), da cui si ha accesso al curatissimo parco (Princes Street Garden). Da qui si gode di una bellissima vista sul castello. 

Misteri e fantasmi a Edimburgo: Closes e tour dei fantasmi

Sempre da Royal Mile puoi avventurarti nei misteriosi vicoli medioevali (closes) e cortili (courts) che pare siano infestati dai fantasmi, Edimburgo è considerata infatti, la città con la più alta concentrazione di attività paranormale d’Europa e la prende molto sul serio, tanto da possedere una cattedra in parapsicologia alla University of Edinburgh. 

Se ti incuriosiscono le storie sui fantasmi ti consigliamo di fare un free Tour dei Fantasmi prenotandolo direttamente su questo link qualche giorni prima. Noi l’abbiamo fatto ed è stato esilarante, soprattutto visitare il cimitero di notte, ma dipende tutto da quanto sei suscettibile a queste storie. 

fotografare i close di Edimburgo - blog di viaggi

Victoria Street e il museo più piccolo al mondo 

Sempre da Royal Mile è possibile percorrere Victoria Street (strada che ha ispirato J.K. Rowling per la famosa strada dei maghi “Diagon Alley” nel famosissimo romanzo di Harry Potter) fino ad arrivare a Grassmarket (la piazza del mercato delle erbe, dove un tempo avvenivano le impiccagioni pubbliche).   

Curiosità: in un negozietto su questa strada (The Cadies & Witchery Tours) c’è quello che è stato definito il museo più piccolo al mondo. All’interno di una teca si trova la custodia per carte realizzata con la pelle del criminale William Burke, giustiziato perché nell’ottocento uccise almeno quindici persone per venderne i cadaveri al professore di anatomia Robert Knox, insieme al suo complice William Hare, il quale però confessò per primo risparmiandosi la pena di morte. Il corpo di Burke venne donato ad una scuola di anatomia e la sua pelle usata per fare piccoli oggetti come questo. 

Cimiteri a Edimburgo e Greyfriars Bobby

A meno di cinque minuti a piedi da Victoria Street troviamo la mascotte di Edimburgo: Greyfriars Bobby, un cane di razza Terrier che divenne famoso perché dopo la morte del suo padrone, passò quattordici anni davanti alla sua tomba. La sua statua si trova vicino al cimitero dove è seppellito.

 A Edimburgo i cimiteri sono molto curati e simili a parchi, infatti è molto comune vedere coppie di fidanzatini passeggiare al loro interno come se fosse il luogo più romantico dove andare, se sei a Edimburgo devi visitarne almeno uno.

visitare un cimitero ad Edimburgo in Scozia - blog di viaggi

Palazzo di Holyrood, Cattedrale di St.Giles e Castello di Edimburgo

Alle 17.00/17.30 tutto inizia a chiudere, sia i negozi che le attrazioni turistiche, ti consigliamo di tenerne conto per programmare le visite ai luoghi come il Castello, il Palazzo Holyrood e la cattedrale di St Giles. Noi l’abbiamo sperimentato a nostre spese e siamo riuscite a fotografare il Palazzo di Holyrood soltanto da fuori, dopo che il custode aveva appena chiuso l’imponente cancello. 

Siamo state decisamente più fortunate con il Castello di Edimburgo, che è aperto tutto l’anno dal 1 Aprile al 30 Settembre (9.30-18.00)e dal 1 ottobre al 31 Marzo (9.30-17.00) con la possibilità di entrare fino a un’ora prima dell’orario di chiusura anche se per vedere tutto ti consigliamo di prenderti un paio d’ore. 

visitare il castello di Edimburgo in Scozia - blog di viaggi
Castello di Edimburgo.

Rimanendo su Royal Mile, incontriamo la Cattedrale di St. Giles, imponente e maestosa, se sei fortunato e riesci ad entrarci in uno dei pochi momenti in cui le nuvole grigie di Edimburgo, lasciano spazio a qualche raggio di sole, godrai di uno spettacolo veramente intenso, le vetrate sembreranno prendere vita e saranno animate da vivaci colori, rendendo magica l’atmosfera al suo interno.

visitare la cattedrale di saint Giles ad Edimburgo - blog di viaggi
Cattedrale di Saint Giles.

Ora usciamo da Royal Mile e dedichiamoci ad uno dei punti panoramici più caratteristici di EdimburgoCalton Hill, mentre saliamo su questa collina che un tempo era un vulcano ormai spento, possiamo avere una bella visuale via via più ampia di Princes Street, e quindi anche del Monumento a Walter Scott, che vedi nella foto proprio vicino alla torre con l’orologio. 

Una volta giunti sulla collina possiamo scattare quella che probabilmente è una delle foto più caratteristiche di Edimburgo, che ha come sfondo Princes Street e in primo piano il monumento a Dugald Stewart. Calton Hill viene anche chiamata Acropoli di Edimburgo  per l’incredibile somiglianza del Monumento Nazionale (che però fu lasciato a metà per mancanza di fondi), al Partenone di Atene.

Per i posti Wow dove mangiare e dormire ad Edimburgo, leggi la nostra Guida Wow di Edimburgo.

Per organizzare un itinerario On the Road in Scozia puoi trovare degli ottimi spunti sul nostro viaggio tra le Highlands scozzesi.

Ti è piaciuta la mia esperienza?

Voto medio 0 / 5. Voti totali: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Questo articolo ha un commento

Lascia un commento