Al momento stai visualizzando Cosa vedere ad Istanbul in 3 giorni

Cosa vedere ad Istanbul in 3 giorni

Viaggio a piedi nella Istanbul Europea

Istanbul è una città che si lascia scoprire non solo nella sua estensione, ma bensì anche in profondità, nella sua storia, nelle sue vite e culture che hanno fatto di questa realtà una meraviglia alle porte dell’Oriente. Istanbul ispira esplorazione, scoperta e spinge qualsiasi viaggiatore ad osare di più con essa. Istanbul è una città ricercata, a volte fraintesa e spesso amata. Affinché ne valga la pena, non va soltanto guardata, ma vista sotto un’tra ottica sapendo cosa si ha difronte: non solo date e monumenti, ma vita quotidiana, cambiamenti, persone. Prima di raggiungere Istanbul è necessario conoscere a fondo la stratigrafia e la formazione della sua storia, in modo tale da non togliere nessuna sorpresa al viaggio.

Non perderti neanche un’attività da fare ad Istanbul: consulta e prenota direttamente on line la tua magica esperienza in una città dove l’Oriente incontra l’Occidente formando una città eclettica e piena di vita.

osservare i tramonti di Istanbul da Eminonu - blog di viaggi
Nella zona Ominonu di Istanbul.

Itinerario a piedi di Istanbul: visita al quartiere Sultanahmet

Sultanahmet è il quartiere storico della Istanbul europea, il quartier generale dell’Impero Bizantino ed Ottomano, una zona oggi super turistica, vibrante, che non dorme mai! Se decidete di alloggiare qui, sarà il vostro punto di partenza per un itinerario a piedi di Sultanahmet. Dedicate un giorno intero passeggiando tra moschee, minareti, bazar, fermatevi ad ascoltare il richiamo alla preghiera del muezzin, sorseggiate del buon tè turco, perdetevi tra la folla senza timore. In questa zona gli spostamenti a piedi saranno brevi ma intesi, con tante cose da visitare in pochi centinaia di metri.

Iniziate dal centro dell’Ippodromo, dove un tempo, centomila persone acclamavano la vittoria dell’imperatore Costantino per lo spostamento della capitale da Roma alle rive del Bosforo; ad i due estremi della piazza trovate l’Obelisco di Teodosio e la Colonna del Serpente.

pescatori sul ponte Galata ad Istanbul - blog di viaggi
Fermatevi ad osservare i pescatori sul ponte Galata.

Prima di entrare nella famigerata e sbalorditiva Santa Sofia di Istanbul, visitate la sua piccola gemella: Küçük Ayasofya, un ex chiesa bizantina prima della conversione ottomana in moschea. Se visitate la Moschea Blu di venerdì controllate gli orari per i visitatori esposti davanti il cancello principale. Ad oggi la moschea è in fase di ristrutturazione (aggiornamento giugno 2022) cosi come la Basilica Cisterna. Se volete comunque esplorare un’antica cisterna, quella di Teodosio è aperta: ingresso e spettacolo ogni ora. Il Palazzo Topkapi invece, merita una mezza giornata a parte; le sue vaste estensioni hanno bisogno di tempo per ammirare uno dei luoghi più emblematici di Istanbul: prenotate qui il vostro tour del palazzo Topkapi senza intoppi e “salta la fila”.

Itinerario a piedi di Istanbul: bazar e Corno d’Oro meridionale

La Turchia è un bazar a cielo aperto, ed i bazar sono il vero cuore pulsante delle città. Ad Istanbul possiamo trovare mercati di ogni tipo, dalle spezie ai tappeti, dall’oggettistica in rame alle lampade in vetro colorate: tutto e di più in ogni angolo. Dal centro di Sultanahmet raggiungete il Gran Bazar, il più grande mercato coperto della città. Una passeggiata al suo interno è un must per chiunque visiti Istanbul. Mi raccomando, non perdetevi e soprattutto contrattate sui prezzi: l’arte del mercanteggiare è una dote che solo in pochi riusciranno a capire. Perdetevi tra i vicoli, scattate foto e provate a fare shopping di prodotti di artigianato locale.

l'esterno del mercato delle spezie ad Istanbul - blog di viaggi
L’esterno del mercato delle spezie.

Dal Gran Bazar, in direzione sud, raggiungete il mercato delle spezie o bazar egiziano: sotto una splendida struttura con tetto a cupola è il posto ideale dove trovare qualsiasi tipo di essenza. Da li a pochi metri cercate di trovare l’ingresso della moschea più bella di Istanbul (secondo il mio parere): Rüstem Pascià. Dalla piazza antistante il mercato è di facile individuazione grazie ai suoi minareti ma una volta all’interno del mercato sarà difficile trovare l’accesso.

moschea Rüstem Pascià una delle più belle di Istanbul - blog di viaggi
Dentro la Moschea Rüstem Pascià.

Da un luogo sacro all’altro: inerpicatevi a piedi verso la maestosa Moschea di Solimano, la seconda più grande della città ed uno dei massimi successi dell’era Ottomana. Nel riscendere verso le rive del Bosforo, prendetevi del tempo necessario per voi stessi, rilassandovi seduti sulle terrazze con vista sul Bosforo (magari fatelo prima delle 17.00, ora della preghiera, in modo da ascoltare il canto del Muezzin diffondersi in tutta la città).

la splendida moschea di Solimano ad Istanbul - blog di viaggi
Moschea di Solimano.

La zona del Corno d’Oro meridionale, per intenderci, quella che va dal Bazar egiziano in direzione nord è la meno visitata della città; eppure qui, si trovano numerose cose accattivanti di una Istanbul decadente. A primeggiare su tutto la Moschea Fatih rivestita in avorio bianco, da non perdere assolutamente prima di immergervi nei quartieri di Fener e Balat: queste due piccole aree confinanti sono coloratissime, underground e pieni di luoghi segreti; non ve ne pentirete!

comprare le spezie nel mercato egiziano ad Istanbul - blog di viaggi
Spezie nel mercato egiziano ad Istanbul.
visitare il mercato delle spezie ad Istanbul - blog di viaggi
Frutta secca all’interno del mercato delle spezie di Istanbul.
visitare i coloratissimi quartieri di fener e balat - blog di viaggi
Quartieri di Fener e Balat.

Itinerario a piedi di Istanbul europea: Beyoglu

Se soggiornate a Sultanahmet, salite sul tram in direzione Karakoy scendendo all’ultima fermata: Kabatas; ricordatevi di acquistare la Istanbul card presso le macchinette automatiche. Utilizzate poi un qualsiasi autobus per continuare fino ad Ortakoy. E’ da qui inizia l’itinerario del secondo giorno, proprio dalla Moschea di Ortakoy, detta anche la moschea sull’acqua. Godetevi questo luogo sacro e poco affollato dai turisti; dalla fermata in cui siete scesi, in direzione opposte salite a bordo del bus n.40T in direzione piazza Taskim per esplorare la Istanbul moderna.

la moschea di Ortakoy dalla crociera sul Bosforo - blog di viaggi
Veduta della Moschea Ortakoy dalla nave sul Bosforo.
la moschea sull'acqua di Ortakoy  ad Istanbul - blog di viaggi
Moschea sull’acqua di Ortakoy.

La piazza è immensa, contornata da moschee ed edifici di moderna costruzione: in leggera discesa incamminatevi sulla via pedonale İstiklal Caddesi, una lunga camminata fino alla torre di Galata per scoprire angoli nascosti che si diramano in vari punti. Non perdetevi i Pasaji di Istanbul: passaggi segreti dove si nascondono stretti bazar e ristoranti d’epoca (Avrupa Pasaj, Cicek Pasaj ed Hazzopulo tra i più affascinanti). A fine giornate rilassatevi a bordo di un traghetto per assaporare una Istanbul da un’altra prospettiva: prenotate qui una minicrociera sul Bosforo.

entrare nei Pasaji di Istanbul - blog di viaggi
Cicek Pasaji.

Come raggiungere il centro di Istanbul dall’aeroporto Sabiha

Sabiha Airport è il secondo scalo della città dopo quello di Atatürk dove atterrano principalmente i voli della Pegasus airline e quindi la maggior parte dei voli provenienti dall’Italia; ma come raggiungere il centro di Sultanahmet? Ci sono svariati modi che vi spiegherò meglio nel dettaglio:

  1. Autobus + traghetto= 39 + 32 LT. La soluzione migliore è la combinazione di questi due trasporti pubblici. Nel piazzale antistante gli arrivi salite a bordo dell’autobus HAVABUS direzione Kadikoy. Scendete dall’autobus e dirigetevi verso il molo per Karakoy. Oltrepassate il ponte a piedi e raggiungete la vostra sistemazione.
  2. Autobus + metro= La seconda soluzione è utilizzare gli autobus urbani di colore giallo, dall’aeroporto alla linea della metropolitana M4, da Tavşantepe fino a Ayrılıkçeşmesi (17 fermate) per poi utilizzare la metro Marmary (1 fermata) fino a Sirkeci.
  3. Autobus urbani + traghetto= 15 + 32 LT. La terza soluzione è ancora più economica della prima utilizzando esclusivamente le linee E10 ed E11 per Kadikoy ed il traghetto per Karakoy.
  4. Taxi= ultima soluzione è taxi, il quale costo si aggira intorno ai 450 LT con tempi di circa un’ora a seconda del traffico.
come spostarsi ad Istanbul: mezzi di trasporto - blog di viaggi
Mezzi di trasporto sul Bosforo.

Consigli utili per viaggiare ad Istanbul

  • Acquistare la Istanbul card al costo di 25 TL e ricaricatela dell’importo necessario. Se invece volete acquistare un ticket alla volta, ricordatevi che le macchine automatiche non accettano banconote superiore ai 20.
    Le corse del tram e degli autobus costano 15, mentre le corse in battello 35;
  • utilizzate questo free tour di Istanbul per iniziare il vostro approccio con la città;
  • l’ingresso in Turchia è consentito anche ai possessori della sola carta d’identità; ma ricordatevi di controllare sempre sul canale ufficiale della Farnesina per tutti gli aggiornamenti;
  • acquistate la Istanbul card alle macchinette automatiche al costo di 25 TL, ricaricandole dell’importo necessario tenendo in considerazione che ogni corsa mediamente costa dai 15 del bus ai 35 del battello;
  • portate con voi sempre un foulard (per le donne) servirà per l’ingresso ai luoghi di culto;
  • dove vedere lo spettacolo dei Dervisci Rotanti gratis ad Istanbul? se non avete tempo di riservare questo evento, nel quartiere Sultanahmet, al Dervis Cafe Restaurant (di fronte la Moschea Blu) potete accomodarvi dalle 19 alle 23 semplicemente degustando dell’ottimo tè;
il tramonto di Istanbul è una delle cose imperdibili in Turchia - blog di viaggi
Tramonto visto dal Bosforo.

Ti è piaciuta la mia esperienza?

Voto medio 5 / 5. Voti totali: 1

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Lascia un commento