Al momento stai visualizzando Cosa vedere a Zagabria: 15 attrazioni

Cosa vedere a Zagabria: 15 attrazioni

Due giorni a Zagabria: cosa vedere nella Capitale della Croazia

I weekend in Europa sono viaggi che non richiedono importanti organizzazioni a meno che voi non siate maniaci della perfezione; spesso vengono pianificati spulciando qua e là sui social, sui relativi blog di viaggiatori in modo da rendere tutto agevolmente realizzabile in totale autonomia. Con questo articolo sulle 15 cose da vedere a Zagabria cerco di dare consigli utili a tutte le persone che non hanno tempo per pianificare il proprio itinerario di viaggio in Croazia. Un elenco dettagliato per non perdere le attrazioni più importanti della capitale con un percorso a piedi in una città a misura d’uomo, percorribile interamente a piedi e zaino in spalla utilizzando anche la viabilità urbana per spostamenti nei dintorni del centro storico.

Visitare la chiesa di San Marco a Zagabria al tramonto - blog di viaggi

Attrazioni di Zagabria da visitare zaino in spalla

  • Mercato Dolac: il cuore pulsante di Zagabria dove si riversa tutta la popolazione per la spesa giornaliera; un luogo di incontro, un saluto, uno scambio di idee: iniziare il tour di Zagabria zaino in spalla da questo mercato significa entrare subito a contatto con l’atmosfera locale. Questa struttura è composta da un piano terra dove sono collocati generi alimentari come carne e pesce, mentre il piano superiore abbonda di frutta e verdura fresca coperti da ombrelloni di colore rosso. Nel piazzale antistante l’ingresso invece, sono collocate bancarelle di piante e fiori; infine nella piazza principale potete trovare confezioni di miele, formaggi e bottiglie di vino. Visitare il mercato Dolac di Zagabria di buon mattino è sicuramente la scelta migliore, anche per acquistare o degustare prodotti tipici locali;
Dolac: il mercato cittadino a Zagabria - blog di viaggi
  • Cattedrale di Zagabria: alle spalle del mercato Dolac si apre la piazza Kaptol dalla quale emerge la splendida cattedrale neogotica. A causa del terremoto del marzo 2020, i suoi interni sono chiusi al pubblico, ma esternamente è accessibile attraverso il cancello posizionato sul lato sinistro; nel cortile sono ancora bel visibili i segni del sisma e la messa in sicurezza di alcune zone in forte pericolo di crollo. Da non perdere il cambio della guardia da aprile a settembre alle ore 11.30 nel piazzale antistante la cattedrale;
Assistere al cambio della guardia a Zagabria nei mesi da aprile a settembre - blog di viaggi
  • Parco Opatovina: un piccolo cuore verde nel cuore di Zagabria dove rilassarsi qualche minuto, sedersi sulle panchine e leggere un buon libro: da notare i bellissimi murales realizzati sullo sfondo del muro. Utilizzate le scalinate per oltrepassare l’arco in pietra ed immettervi una delle vie (turistiche) maggiormente frequentate per la movida e ristoranti;
Street art a Zagabria, alla ricerca dei murales della città croata - blog di viaggi
  • Gate Stone di Zagabria: una piccola cappella all’aperto molto caratteristica incastonata all’interno della roccia; in questo passaggio è d’obbligo fermarsi a pregare o magari semplicemente osservando usi e costumi della gente del posto senza intralciare le varie funzioni; accendete una candela e godetevi l’ambiente del luogo sacro più apprezzato dai zagabresi;
Il gate stone è un luogo di culto per i zagabresi - blog di viaggi
  • Chiesa di San Marco: è uno dei simboli più interessanti di Zagabria sia dal punto di vista architettonico che sociale. La particolarità di questo edificio risiede nella copertura, realizzata con piastrelle policrome raffiguranti i due stemmi della città; gli speciali effetti delle piastrelle vengono esaltati dalla luce del sole al tramonto;
Visitare la chiesa di San Marco a Zagabria al tramonto - blog di viaggi
  • Strossmayer Promenade: una breve passeggiata sul belvedere di Zagabria, magari al tramonto per apprezzare la città dall’alto; questo viale è pieno di panchine ed alberi di castagno, il più antico passaggio sulla città. Accomodatevi qualche minuto al fianco della statua di Antun Gustav Matos, grande scrittore croato; in alternativa potete salire sulla Torre Lotrscak aspettando il colpo di cannone a mezzogiorno;
passeggiare sulla promenade Strossmayer di Zagabria - blog di viaggi
  • Zakmardijeve: è una stretta via che collega la città alta con quella bassa; percorretela in un senso o nell’altro ammirando i colori con la quale è stata dipinta a tinte croate;
Fabio Sansone in viaggio a Zagabria in Croazia - blog di viaggi
  • Piazza Josipa Jelačića: il frastuono della piazza e la confusione che si crea attorno ad essa è sinonimo di una città viva e piena di vita; lo stile architettonico di facciata si discosta notevolmente dagli edifici che siamo abituati a vedere nei Paesi balcanici: fermatevi sotto la coda del cavallo della statua equestre e mescolatevi in uno dei punti d’incontro preferiti dalla gente del posto; esprimete un desiderio e gettate una moneta nella fontana di Mandusevac, un’antica fonte d’acqua che prende il nome da Manda, una ragazza che, secondo la leggenda attinse l’acqua per darla ad un cavaliere assetato di rientro da una battaglia;
Itinerario di due giorni a Zagabria la capitale della Croazia - blog di viaggi
  • Ferro di cavallo verde: attraversate tutti i parchi che formano questo particolare circuito verde; rilassatevi tra le fresche alberature, monumenti e le statue che man mano incontrerete; se volete respirare il dolce profumo dei fiori passeggiate tra i sentieri dell’orto botanico;
percorrere il ferro di cavallo verde a Zagabria in croazia - blog di viaggi
  • Tunnel Gric: un simbolo della seconda guerra mondiale che ancora oggi è visibile, anzi è percorribile in entrambi le direzioni. Una colata di cemento armato venne usata per difendersi dagli attacchi degli aerei nemici, oggi viene ricordato ed usato per raccordare due punti diversi della città ma non solo; al suo interno vengono anche effettuate delle mostre a tema ed organizzati eventi; da non perdere il tour della Zagabria sotterranea;
Il tunnel della seconda guerra mondiale a Zagabria - blog di viaggi
  • Cimitero di Mirogoj: escursione di 10 minuti utilizzando i mezzi pubblici croati; l’autobus parte da Kaptol (fermata sulla destra della cattedrale) e raggiunge l’ingresso del cimitero più grande della Croazia. Esternamente presenta un’enorme cinta muraria ed un ingesso monumentale in stile neo-rinascimentale. Munitevi di biglietto prima di salire a bordo dell’autobus;
raggiungere il cimitero di Mirogoj da Kaptol a Zagabria - blog di viaggi
  • Tram blu di Zagabria: un giro in tram non si nega a nessuno; utilizzate questo comodissimo mezzo pubblico spostandovi nella prima periferia raggiungendo il Parco Maksimir, il più antico di Zagabria decorato in stile inglese per circa 316 ettari: al suo interno troverete cinque laghi e diversi padiglioni (tram n.11 o 12 dalla piazza principale);
Utilizzare il tram blu cittadino per spostarsi nei dintorni di Zagabria - blog di viaggi
  • Accensione dei lampioni a gas: è una tradizione che viene tramandata da generazioni ed è impossibile perdersi alcune scene di vita quotidiana diverse dalle solite; salite nella città alta nelle ore precedenti il tramonto per cercare il personale addetto all’accensione degli oltre 300 lampioni;
tradizioni a Zagabria: accensione dei lampioni a gas nella città alta - blog di viaggi
  • Degustazione vino Croato: la Croazia è un’ottima produttrice di vino e vanta cantine all’avanguardia; tra una passeggiata e l’altra non perdetevi il passaggio alla vineria Time 4 wine bar;
  • Movida di Zagabria: la vera vita notturna di Zagabria si anima lungo le vie che costeggiano la piazza Cvjetni; bar e locali frequentati solo ed esclusivamente da gente del posto.

Se avete poco tempo a disposizione per organizzare il vostro itinerario di Zagabria affidatevi ai tour in italiano esplorando la pittoresca capitale della Croazia con guida in italiano:

Ti è piaciuta la mia esperienza?

Voto medio 3 / 5. Voti totali: 2

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Lascia un commento