Al momento stai visualizzando Un viaggio chiamato Marocco

Un viaggio chiamato Marocco

Organizzare un viaggio in Marocco: itinerario zaino in spalla

Dopo molti viaggi in Europa, lascio per la prima volta il vecchio Continente per viaggiare in Africa zaino in spalla, precisamente nel nord del Paese. Il Marocco ti affascina soltanto nel pronuncialo, basta una lettura dei suoi romanzi per uscirne completamente pazzo. E’ un viaggio totalmente diverso per stile, tradizione e religione. Il Marocco bisogna capirlo ed immaginarlo, cogliere tutti i particolari. Non serve una guida ma bensì un libro che apre la mente, come i suoi abitanti aprono le porte di casa. E’ un viaggio da vivere senza paura e pregiudizi. Il Marocco semplicemente va vissuto in mezzo alla gente.

scorcio dell'Università al-Qarawiyyinz, moschea Fez - Blog di viaggi

Il Marocco è soltanto un assaggio della vera Africa; una meta vicina ma alquanto affascinante, contagiosa per la propria anima per viaggi ancora più avventurosi nel Continente nero. E’ una terra, quella marocchina, che mi ha sempre affascinato ed ha quel qualcosa in più rispetto ad altri Paesi, quel qualcosa di originale che si respira quando inizi a pensare al tuo itinerario. Il Marocco va vissuto in ogni sua sfumatura, bisogna intuirlo,capirlo ed immaginarlo. E’ ricco di particolari e per affrontarlo non serve una guida, ma un vero e proprio libro aperto, come una persona del luogo che apre le braccia verso di te, pronto ad accoglierti ed aiutarti.

Visitare la conceria di pelle a Fes in Marocco - blog di viaggi
Come si lavorano le pelli in Marocco - Blog di viaggi

Ai marocchini piace prendersi cura degli stranieri ed offrire loro ospitalità, senza avere nulla in cambio; dicono sempre di si. Se avete paura di andare in Marocco, cambiate meta, bisogna essere sicuri di voler visitare questo Paese. Impossibile prenderlo di petto, bisogna aggirarlo come un pugile fa con il suo avversario, scoprirlo, avvicinarsi lentamente per capirne il suo punto debole. A primo impatto vi sembrerà sfuggente, inafferrabile, ma abbiate pazienza di aspettare, come un fotografo in attesa del suo momento perfetto. Ed è proprio nei vicoli lontani dalla medina che avviene la magia, osservando lentamente lo scorrere della vita quotidiana, in un silenzio quasi surreale rispetto al caos dei bazar. Viaggiare in solitaria in Marocco è una esperienza che va fatta.

Lo sguardo sorridente dei bambini in Marocco - blog di viaggi

Cosa vedere in 5 giorni: itinerario zaino in spalla Marocco

Il mio viaggio zaino in spalla in Marocco è partito da Fez (Fes). Ho preferito scegliere questa autentica città marocchina rispetto alla più turistica Marrakech in quanto più coinvolgente dal punto di vista sociale. Ho respirato un’aria familiare, serena e tranquilla, dove ognuno pensa al proprio lavoro.

Fez è incredibilmente tortuosa, caratterizzata da una fitta rete di vicoli, dove spesso perdi il senso dell’orientamento.

Fes è un vortice intenso e disordinato allo stesso tempo, racchiuso tra colori e spezie, tra musica e canti. Non sarebbe nulla senza migliaia di artigiani sparsi per tutta la medina. Non muoiono mai; sono sempre li a lavorare il ferro, il legno, le pelli e qualsiasi materia prima che la terra marocchina possa offrire; saranno sempre lì, curvi sul proprio mestiere.

Questo è il mio viaggio nella medina di Fez in tre giorni; scopri tutte le escursioni e le visite guidate che troverai all’interno dell’approfondimento.

I colori del Marocco a Fes - blog di viaggi

Fez è la città nella città, che se ne frega del mondo. Ed è proprio il mondo che entra dentro di essa. I muri sono pieni di crepe, terrazze incurvate verso vicoli che diventano sempre più stretti. Colonne in ferro sorreggono intere abitazioni a rischio crollo. La caratteristica di questa città è di avere un quartiere per ogni mestiere, che prende il nome della lavorazione stessa. Questo è l’unico modo per avere un segno di riconoscimento. Non vi ritroverete mai nella stessa via per due volte di seguito. Verrete accerchiati da ragazzini sorridenti, che vi chiederanno gentilmente di offrirsi come guida; non vi lasceranno mai se non lasciate qualche monetina di mancia.

Il mercato giornaliero nei bazar di Fez in Marocco - blog di viaggi

Itinerario tra Meknes, Volubilis e Moulay Idriss

Meknes è una delle città imperiali che dista poco meno di un’ora dalla città di Fes. Iscritta dall’Unesco tra i monumenti Patrimonio dell’Umanità, è anche conosciuta come la Versailles del Marocco o la città dei cento minareti. Raggiungerla è davvero facile ed economica; il mezzo più comodo e rapido è il grand-taxi, un modo per condividere il viaggio con altri viaggiatori. Si sale a bordo di vecchie grandi auto del passato, del tipo ammiraglie; vengono caricate all’impossibile e partono non appena raggiungono il pieno. A mio avviso, Meknes può essere paragonata ad una piccola Marrakech, ma non ha nulla a che vedere con Fez.

Acquistate on-line il tour di queste tre meraviglie del Marocco con un’escursione giornaliera da Fes.

Incantatore di serpenti a Meknes in Marocco - blog di viaggi

Nelle vicinanze di Meknes, in ordine di arrivo si trova Voubilis, il più grande sito archeologico del Marocco, qualche chilometro più in alto la città santa di Moulay Idriss. La seconda è un vero e proprio borgo arroccato su di una montagna con una forma di cupola. E’ una città molto amata dai marocchini, in quanto ospita il Mausoleo del Santo più venerato del Marocco, pronipote del profeta Maometto. La tomba non è visitabile dai turisti non musulmani, e fino a qualche tempo fa la città era proprio interdetta ai viaggiatori.

Scorcio nei vicoli di Moulay Idriss in Marocco - Blog di viaggi

Cosa vedere a Chefchaouen in un giorno

Questo nome buffo di origine francese racchiude una delle città più affascinanti del Mondo intero. Chefchaouen è la città blu per eccellenza, la perla blu del Marocco. Il viaggio da Fez è lungo ma molto interessante. Da notare che il Marocco è ricco di enormi distese di ulivo, tanto da essere uno dei principali produttori di olio extravergine. La strada è a scorrimento veloce, ma occhio agli autovelox mobili appostati a destra e sinistra della carreggiata. La polizia è molto severa, e la somma dovuta va pagata cash. Scopri come raggiungere la città blu da Fez e prenota subito la tua escursione giornaliera.

Bambini sorridenti nei vicoli di Chefchaouen in Marocco - blog di viaggi

L’arrivo in città è segnalato da una porzione di un vecchio rudere, con all’interno una porta di colore blu. Molto caratteristica e suggestiva è la visuale verso valle, dove questa macchia colorata diventa sempre più fitta. Chefchaouen è una città che si arrampica su di una montagna, raggiungibile con diverse viuzze che vi condurranno all’interno di una favola; è meraviglioso come questo colore blu, nelle sue diverse sfumature, parte da terra e finisce sui muri delle abitazioni, per poi concludersi nel cielo.

Chefchaouen è la cttà blu del Marocco - Blog di viaggi

Ma perché Chefchaouen è blu? Ci sono due risposte a questa domanda: in passato veniva usato questo metodo per allontanare zanzare ed insetti. Venivano tinteggiati i muri, le finestre, gli stipiti, ed anche i tetti. Salire verso la medina è come andare in paradiso, e questa è la seconda risposta alla domanda. Sarai sempre avvolto in questo splendido colore. Anche qui la gente è molto povera; non si avvicina nessuno per chiederti una monetina, ma allo stesso tempo non vogliono essere disturbati durante lo svolgimento della loro vita quotidiana o quanto meno fotografati; spesso sono scatti rubati.

Le tinte usate per colorare Chefchaouen - blog di viaggi

Quando andare in Marocco?

Non credo ci siano stagioni preferite rispetto ad altre; ho viaggiato nel nord del Marocco a cavallo tra la prima e seconda settimana di gennaio. Il clima era perfetto, fresco la mattina, soleggiato durante il giorno con temperature anche di 20° e mite la sera. Si può viaggiare anche ad agosto, nel pieno del caldo basta rispettare semplici regole per proteggersi dalla calura estiva. L’unico periodo che sconsiglio veramente è relativo al ramadam (di solito cade tra aprile e maggio); molte attrazioni potrebbero restare chiuse per tutta la durata, oppure ritrovarsi in situazioni sgradevoli.

Dormire in un Riad a Fez in Marocco

Riad, cosa sono i riad? Uno dei tanti motivi per cui mi hanno spinto a fare questo mio viaggio in Marocco, è stato il voler soggiornare negli affascinanti riad: soluzioni abitative realizzate attorno ad una corte a tutta altezza, dove normalmente al centro di essa viene posta una vasca piena d’acqua in corrispondenza del foro di areazione. La maggior parte dei riad possiedono camere con vista ballatoio arredate con tappeti e mosaici tipici della tradizione araba. La parte più bella però, è la vista mozzafiato sulla medina che si ammira dal terrazzo; qui potrai sorseggiare del buon tea ed ascoltare il canto del muezzin.

Dormire in un riad marocchino a Fez - Blog di viaggi
Le camere di un riad in Marocco - blog di viaggi

Dove mangiare in Marocco?

E’ un Paese povero, ma ricco nella sua specie. Producono molte materie prime come accennato in precedenza, e tutto sommato il cibo costa davvero poco; ovviamente bisogna saper scegliere e distinguere ristoranti più o meno turistici senza farsi ingannare dal primo che capita. Durante il mio viaggio zaino in spalla in Marocco, ho preferito mangiare spesso nei bazar per favorire l’economia locale, per testare prodotti diversi con gusti raffinati. Mi divertivo ad assaggiare un po di tutto, passavo le ore ad osservare mercati colorati, ricchi di spezie e profumi che andavano dal caramello al pane appena appena sfornato. Avrei voluto comprare di tutto!

Mangiare nei mercati del Marocco - Blog di viaggi

Cose utili da sapere per un viaggio in Marocco

Se state programmando il vostro viaggio in Marocco ed avete alcuni dubbi, dovreste sapere che vi state dirigendo verso un Paese nordafricano che fanno del turismo una delle fonti principali di guadagno, per cui ognuno di noi è visto come una banconota che cammina. Ecco alcune informazioni utili prima di partire per il Marocco:

  • Moneta: La moneta del Marocco è il dirham marocchino che vale orientativamente 0.093 euro, ed un euro corrisponde a circa 10 dirham. Cambiate i vostri euro negli Exchange autorizzati o nei vostri riad evitando il cambio al mercato nero
  • Documenti: La documentazione necessaria per entrare in Marocco da turista è valida per un massimo di 90 giorni senza visto. Vige l’obbligatorietà del passaporto con una validità superiore ai 6 mesi dalla data di arrivo, inoltre sull’aereo vi verrà fornito un tagliandino da compilare e consegnare alla dogana. Per restare sempre aggiornati consiglio di leggere attentamente eventuali novità su Viaggiare Sicuri;

Ti è piaciuta la mia esperienza?

Voto medio 5 / 5. Voti totali: 4

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Questo articolo ha 5 commenti

  1. Laura

    Your Trip in Morocco è una compagnia di proprietà locale che organizza tour nel deserto in tutto il Marocco. Abbiamo deciso di prenotare il nostro viaggio con Your Trip in Morocco perché li abbiamo trovati molto reattivi tramite e-mail. Abbiamo chiesto informazioni su diversi itinerari e loro erano disposti a personalizzare e aiutarci a trovare un viaggio adatto al nostro programma di viaggio serrato.

    Il proprietario Lahcen Oulfakir è molto cordiale e accomodante e le loro guide sono tutte altamente organizzate e disponibili durante l’intero viaggio.

  2. marocco

    Bellissimo blog! Grazie per aver condiviso questo fantastico articolo.

    1. Fabio Sansone

      Grazie a te per aver letto l’articolo.
      Il Marocco è un Paese meraviglioso.

  3. Lahcen

    Bellissimo programma, mi è piaciuto soprattutto le foto È un piacere avere qualcuno come te che dice belle parole sul mio paese. Ti auguro il meglio

  4. Laura

    Bellissimo programma 😉✈️🧳

Lascia un commento