Al momento stai visualizzando Cosa vedere nella Tuscia: 9 tappe imperdibili

Cosa vedere nella Tuscia: 9 tappe imperdibili

Questo è il racconto di Eleonora e Sara, sorelle esploratrici ed abruzzesi di nascita, unite da un’unica passione per i viaggi; grazie alle loro storie, vi porteranno con la mente in giro per il Mondo, nei luoghi tanto amati e sognati fin da piccole:

Viaggiare è una delle tante forme che esprime in pieno la libertà di un individuo.

Il territorio della Tuscia Viterbese, è pieno di sorprese, in questo articolo ti guideremo alla scoperta delle sue meraviglie, fornendoti indicazioni utili per risparmiare tempo e visitare la Tuscia in 9 tappe imperdibili, fattibile anche se hai a disposizione solo il weekend:

  1. Civita di Bagnoregio;
  2. Sacro Bosco di Bomarzo;
  3. Villa Lante a Bagnaia;
  4. Piani degli Alpaca a Tarquinia;
  5. Viterbo;
  6. Lago di Bolsena;
  7. La lavanda della Tuscia;
  8. Il Giardino dei Tarocchi;
  9. Relax alle Terme.

Civita di Bagnoregio – “La Città che Muore”

Visitare Civita di Bagnoregio è un must immancabile nel territorio della Tuscia; l’immagine che appare alla nostra vista appena raggiungiamo il Belvedere è unica! Questo paese sta sfidando il tempo, l’erosione del vento e della pioggia, posizionato su uno sperone di tufo infatti, è circondato dall’incredibile scenario della “Valle dei Calanchi”. Per raggiungere il borgo dal parcheggio, bisogna camminare per 10/15 minuti a piedi e arrivati al Belvedere, scendere un po’ di gradini e raggiungere la seconda biglietteria (la prima si trova al parcheggio) per poi percorrere il suggestivo ponte. Una volta superata Porta Santa Maria ci troviamo immersi in un luogo senza tempo, dove passeggiare senza una meta precisa, impossibile perdersi perché è davvero piccolo. Un paio d’ore saranno sufficienti per visitare Civita di Bagnoregio, a meno che non decidiate di fermarvi a mangiare proprio all’interno di uno dei ristorantini scavati nel tufo.

Il biglietto costa €5,00

Il Borgo che non muore di Bagnoregio - blog di viaggi

Sacro Bosco di Bomarzo

Una passeggiata tra le statue di mostri e i giardini del Sacro Bosco di Bomarzo non può mancare se decidete di visitare la Tuscia. Fu ideato dall’architetto Pirro Ligorio (non uno qualunque ma colui che completò San Pietro dopo la morte di Michelangelo) su commissione del Principe Vicino Orsini, dopo la morte della prima moglie. Il parco è pieno di statue di strane creature, ma anche di animali, un piccolo tempio (fatto costruire in seguito, per onorare la seconda moglie di Vicino) e una struttura “storta”, si hai capito bene, c’è un piccolo edificio, detto “casa pendente” che è stato costruito di proposito, su un masso inclinato, per pendere da un lato ed è divertente provare ad entrarci.

visitare il Sacro Bosco di Bomarzo nella Tuscia - blog di viaggi

Passeggiare all’interno del Sacro Bosco di Bomarzo è molto piacevole e ci aspetta sempre qualcosa di insolito da vedere ad ogni angolo, anche questa visita non richiede molto tempo, non essendo molto esteso si vede in un’ora o due tranquillamente, per intenderci, non sono ettari ed ettari di parco. Con la sola eccezione dei cani guida per non vedenti, nessun animale è ammesso nel parco.

Il biglietto costa: Adulti o bambini oltre 13 anni €11,00, bambini fino a 4 anni gratis, bambini da 4 a 13 anni Euro 8,00

Villa Lante a Bagnaia

Vale una visita, Villa Lante a Bagnaia, un’antica villa cinquecentesca con il suo bellissimo giardino all’italiana, ricco di fontane e giochi d’acqua che ci ricordano molto Villa D’Este a Tivoli. Molti lavorarono alla sua realizzazione e la villa ebbe molti proprietari nei secoli, la famiglia Lante fu quella che la possedette per più tempo, ben trecento anni, ecco perché mantiene il loro nome tutt’oggi. Per informazioni su orari e costo dei biglietti ti rimandiamo al sito ufficiale sempre aggiornato dei beni culturali per il Lazio.

Tarquinia – Piani degli Alpaca

Tarquinia è una cittadina medievale e il suo centro storico è un gioiellino in cui si respira tutta la sua storia, a portarci qui però è stata la voglia di fare la conoscenza di un simpatico animale che abbiamo spesso guardato in foto con gli occhi a cuoricino, l’Alpaca!  Sarà che ultimamente ne abbiamo viste molte di foto, ma non appena abbiamo scoperto che nella Tuscia c’è il più grande allevamento italiano (Piani degli Alpaca), abbiamo subito cercato informazioni e siamo andate a conoscere queste dolci creature.

Questo allevamento tratta gli Alpaca davvero bene, hanno tanto spazio verde dove pascolare. È stato bellissimo sapere come vengono allevati, toccare la loro sofficissima fibra e conquistare la loro fiducia, dar loro da mangiare e guardare i loro musetti buffi e dolcissimi. È un’esperienza che ti consigliamo di fare se come noi ami gli animali. I biglietti sono acquistabili sul canale ufficiale dell’allevamento.

esperienza con gli Alpaca nella Tuscia - blog di viaggi

Viterbo

La città dei Papi, Viterbo ha un meraviglioso centro storico, inoltre è perfetta come base per esplorare la Tuscia perché è strategicamente centrale rispetto alle varie tappe di cui vi stiamo parlando, noi abbiamo pernottato qui due notti ed è stata una scelta azzeccatissima! Ma se ti stai chiedendo cosa vedere a Viterbo, ecco una lista nel nostro stile pratico e sintetico delle cose da non perdere:

  • Il Palazzo dei Papi;
  • Quartiere San Pellegrino;
  • La Viterbo Sotterranea;
  • Il Monastero di Santa Rosa (da non perdere l’evento religioso più significativo della città, ovvero la Macchina di Santa Rosa il 4 settembre).

Lago di Bolsena

A prima vista il Lago di Bolsena ci ha subito colpito per un fatto, più che sulla riva di un lago, sembra di trovarsi in riva al mare e non deve essere solo una nostra impressione perché tutti erano lì come se fossero in spiaggia! C’è persino la sabbia che è più che altro nera, essendo un lago di origine vulcanica (il più grande d’Europa) Uno dei pochi laghi in Italia ad essere completamente balneabile, è perfetto per chi ama la natura!

Tuscania – La Lavanda della Tuscia

Ancora una volta a portarci a Tuscania, non è stato il pittoresco Borgo della Tuscia e la sua atmosfera fiabesca ma la Lavanda della Tuscia! Abbiamo conosciuto Lucia, proprietaria di un’azienda agricola che produce olio essenziale di lavanda. Il suo campo di Lavanda è meraviglioso e se da una parte non siamo riuscite a vedere la Lavanda nel pieno della sua fioritura perché era da poco iniziato il periodo della raccolta, dall’altra abbiamo potuto assistere all’estrazione dell’olio essenziale rimanendo sorprese dalla semplice complessità del processo che trasforma in gocce quel profumo che riempie l’aria. Il periodo migliore per vedere la Lavanda al massimo del suo splendore è tra metà Giugno e i primissimi giorni di Luglio.

L’ingresso è gratuito e Lucia è super gentile e disponibile

Quando visitare i campi della Lavanda nella Tuscia - blog di viaggi

Il Giardino dei Tarocchi

Per vedere il Giardino dei Tarocchi si entra in Toscana, ma siamo ancora nella zona della Tuscia. Questo giardino ideato dallartista franco-statunitense Niki de Saint Phalle, è tutto un susseguirsi di “WOW”, che poi è il motivo principale per cui amiamo viaggiare e abbiamo scelto questa tappa! Le gigantesche statue raffigurano i principali Arcani dei Tarocchi e durante il percorso si trovano citazioni, frasi e pensieri. Una delle statue principali dell’Imperatrice, ha addirittura ospitato l’artista al suo interno durante i lunghi anni di lavori, possiede infatti un soggiorno con cucina, camera da letto e un bagno, tutto ricoperto da frammenti di specchi veneziani e perfettamente in tono con la magia del Giardino dei Tarocchi. È obbligatoria la prenotazione del biglietto online

Terme nella Tuscia

Ultime ma non certo per importanza, ne tanto meno per la beatitudine che possono portare durante il tuo itinerario della Tuscia, le Terme sono una perla da scoprire assolutamente. Ti consigliamo le Terme dei Papi perché sono quelle che abbiamo scelto noi, ma siamo sicure che qualunque sia la scelta che farai ne uscirai rigenerat* e pront* per la prossima avventura!

Ti è piaciuta la mia esperienza?

Voto medio 5 / 5. Voti totali: 1

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Lascia un commento