Al momento stai visualizzando Viaggio zaino in spalla in Italia

Viaggio zaino in spalla in Italia

Cosa vedere in Italia viaggiando in maniera sostenibile

In Italia abbiamo tutto! Il Mondo intero invidia il nostro territorio, la nostra cultura, le nostre tradizioni, il nostro cibo. Tutti che vogliono venire in Italia almeno una volta nella loro vita. Da nord a sud, l’Italia è tutta bella! Venti regioni di splendore tutte visitabili zaino in spalla, in totale autonomia con mezzi pubblici su gomma o rotaie, ed addirittura anche a piedi. Sono numerosi i cammini da fare in Italia che collegano un po’ tutte le zone dello stivale, alcuni affermati altri sulla rampa di lancio verso un turismo sostenibile.

Percorrere il cammino dei briganti in tenda - Blog di viaggi

Viaggio spesso in giro per il Mondo, dedicando poco tempo alla visita della cara e vecchia Italia. Cerco di alternare viaggi all’estero con weekend in giro per l’Italia. Sono due le principali Regioni di cui posso raccontare più nello specifico, dare consigli su cosa vedere, stilare itinerari ben precisi:

  • la Campania;
  • l’Abruzzo.

Sono originario del Cilento, un oasi di pace e patria della dieta Mediterranea. Conosco in lungo e largo questo territorio, che per chi non lo sapesse, si trova a sud di Salerno. Sono cresciuto in pieno Parco Nazionale del Cilento e continuo a visitarlo per promuovere questa realtà ancora lontana dal turismo di massa. In Campania, oltre alla rinomata costiera amalfitana, ideale per numerose attività sportive all’aperto come il trekking sul Sentiero degli Dei, esiste anche la costiera cilentana, meno conosciuta e turistica ma con un potenziale ancora inespresso. L’Abruzzo invece, è la mia seconda casa, un polmone verde in pieno centro Italia. Qui vivo quotidianamente con il mio lavoro, e nei weekend organizzo escursioni fuori porta per esplorare il Parco Nazione del Gran Sasso e Monti della Laga ed il Parco Nazione della Majella.

Una delle spiagge più belle d'Italia a marina di Camerota - Blog di viaggi

Come arrivare nel Cilento?

Da due anni a questa parte il Cilento è molto più vicino al nord italia, grazie alle Frecce di Trenitalia, le quali hanno permesso lo scalo in alcune stazioni, tra cui Vallo della Lucania ed Agropoli. Per chi decide di utilizzare soltanto mezzi pubblici, adesso il Cilento è accessibile quasi nella sua totalità; Per chi arriva in macchina, per esempio da Roma sono soltanto 4 ore, la maggior parte su autostrada. Insomma visitare il Cilento è possibile!

Cosa fare nel Cilento

Il Cilento ha un grande potenziale, ha tutto per diventare il fiore all’occhiello dell’Italia meridionale. E’ ancora lontano dal turismo di massa, ma negli ultimi anni la richiesta di una vacanza nel Cilento ha avuto una crescita esponenziale. Dal mare alla montagna, passando per borghi medievali e marinari tra i più belli d’Italia. Nelle mie escursioni ho visitato posti straordinari che neanche ero a conoscenza, e molti altri ancora sono in attesa di essere programmati; ecco una lista di cosa fare e vedere nel Cilento:

Trekking nel Cilento cammino di San Nilo - Blog di viaggi
  • Cascata dei capelli di venere a Casaletto Spartano (Sa);
  • Borgo fantasma di San Severino di Centola;
  • Escursione sul Monte Gelbison e Monte Cervati con pernottamento in tenda;
  • Gole del Calore in località Remolino, Felitto (Sa);
  • Gole del Fiume Sammaro ed il Ponte di Sacco;
  • Borgo medievale di Roscigno Vecchia;
  • Grotte e cascate a Sant’Angelo a Fasanella;
  • Spiaggia del Pozzallo, Cala Bianca e Baia infreschi raggiungibili con un’escursione da Marina di Camerota;
  • Spiaggia del Buon Dormire a Palinuro;
  • Inghiottitoio di Vallivona sul Monte Cervati;
  • Il pittoresco Borgo dei Murales a Piano Vetrale.

Queste sono solo alcune delle tante altre cose da fare nel Cilento; sto programmando altri itinerari che verranno inseriti e spiegati nel dettaglio con successivi articoli. Mi piace viaggiare in autonomia ed in solitaria, esplorare zone più impervie e dare consigli utili a tutti i viaggiatori.

Murales nel borgo di Piano Vetrale nel Cilento - blog di viaggi

Cosa mangiare nel Cilento?

Il Cilento è anche un viaggio enogastronomico nella patria della dieta Mediterranea. Quali sono i piatti tipici del Cilento? L’ampia scelta culinaria consente di svariare dall’aperitivo al dolce in ogni stagione. Se siete in vacanza nel Cilento, ho scelto per voi questo menù da leccarsi i baffi:

  • partiamo dalla pizza fritta cilentana, la più popolare sul territorio con origini contadine è preparata con sugo cotto e formaggio di pecora, un ottimo spuntino per iniziare ad assaporare qualcosa di tipico;
  • La soppressata di Gioi è perfetta per un’antipasto unito a della mozzarella nella mortella (mozzarella inda a mortedda in dialetto);
  • Lagane e ceci è un primo di pasta con strisce larghe condito con ceci di Cicerale;
  • per non appesantirvi troppo propongo di assaggiare del caciocavallo podolico m’biccato (impiccato sul fuoco);
  • “sciacquatevi” la bocca con i fichi bianchi del Cilento, dal gusto soffice e sopraffino;
  • per concludere in bellezza non dimenticate il dolce: i miei preferiti sono gli scauratielli e cannoli cilentani.
Il caciocavallo impiccato nel Cilento - blog di viaggi

Dove dormire nel Cilento?

Soggiornare nel Cilento a basso costo si può! I prezzi sono ancora nella media ed abbastanza ragionevoli nella maggior parte del territorio. Strutture riconvertite in B&b sono quelle che vanno per la maggiore, magari a qualche chilometro di distanza dai principali siti turistici. Ho dormito in tenda, sia in montagna che al mare, ed è un’esperienza unica, ma sopratutto fattibile in autonomia. Ed è un’idea più che sostenibile.

Dormire in tenda nel Parco Nazionale del Cilento - Blog di viaggi

Quando vieni al sud piangi due volte: sia quando arrivi, sia quando te ne vai

Cosa fare in Abruzzo

Sono più di dieci anni che vivo in Abruzzo, e lentamente sto iniziando a scoprire scenari incredibili. Dalla natura ai borghi medievali, purtroppo ancora oggi in abbandonati o in fase di recupero post-terremoto dell’Aquila del 2009. Ecco una prima lista di cosa da fare in Abruzzo:

  • Per gli appassionati di montagna, la catena montuosa del Gran Sasso offre spettacolari camminate di trekking, dal Corno Grande al Corno Piccolo passando per Pizzo Cefalone;
  • Escursione alle Cento fonti o cento cascate presso Cesacastina: un trekking sui Monti della Laga a stretto contatto con la natura;
  • Non ha bisogno di presentazioni il borgo medievale di Calascio con la sua famosa Rocca;
  • Borgo medievale di Santo Stefano di Sessanio e Castelvecchio Calvisio;
  • Grotte di Stiffe e la sua cascata;
  • Il Borgo Universo di Aielli;
  • Il Lago di Sinizzo con i suoi fantastici scorci è diventato un set cinematografo di numerosi film: venite a scoprire cosa fare sul Lago di Sinizzo;
  • Pacentro ed il suo borgo medievale;
  • La Transiberiana d’Italia, a bordo di un vecchio treno storico tra Abruzzo e Molise;
  • Cascata di Cusano ed Eremo di San Bartolomeo in Legio sulla Majella;
  • Castello di Roccascalegna ed il suo borgo;
  • La costa dei trabocchi; l’ho visitata da Pescara ad Ortona in una splendida giornata di dicembre, senza traffico e soprattutto senza turisti.
Il lago Pietranzoni con vista Gran Sasso - Blog di viaggi
Fabio Sansone sulla Rocca di Calascio - Blog di viaggi

Cosa mangiare in Abruzzo?

Anche l’Abruzzo ha molto da offrire dal punto di vista gastronomico. Qui i sapori sono molto decisi e forti. Ecco il mio speciale menù per il vostro viaggio in Abruzzo:

Un dettaglio nel borgo di Farindola in Abruzzo - blog di viaggi
  • due varianti di pizze fritte con prosciutto e pecorino di Farindola, e peperoni ed uova;
  • zuppa di lenticchie di Santo Stefano di Sessanio: questo borgo, oltre ad essere uno dei più belli d’Italia è famoso anche per la coltivazione di questo legume;
  • pallotte cace e ove con la ricetta della nonna, fatte di materie povere ma di qualità;
  • Sagne e fagioli o ceci, prodotte con un impasto molto semplice di acqua, farina e sale per un primo sostanzioso;
  • Immancabili gli arrosticini cotti sulla fornacella di forma stretta e lunga. Sono anche detti anche rrustell;
  • Concludiamo infine con i bocconotti ripieni;
  • Come per la Campania, a tavola non può mancare una buona bottiglia di Montepulciano d’Abruzzo e della genziana come digestivo.
Mangiare i famosi arrosticini di pecora in Abruzzo - blog di viaggi

Dove dormire in Abruzzo?

Se siete in procinto di organizzare il vostro primo viaggio in Abruzzo, allora il mio consiglio è di dormire in piccoli borghi, in strutture riconvertite e rigenerate per valorizzare luoghi quasi dimenticati. L’arredo è molto vintage, con oggetti presi dai campi, restaurati e messi in opera, con materiale di riciclo lavorato a regola d’arte, per dare quel tocco di originalità in più. Spesso i padroni di casa sono anche produttori di materie prime, quale occasione per mangiare ed acquistare a chilometro zero. Siate rispettosi con loro, sono la nostra storia e tradizione.

Uno scorcio nel caratteristico borgo di Pacentro in Abruzzo - blog di viaggi

Ti è piaciuta la mia esperienza?

Voto medio 5 / 5. Voti totali: 2

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Lascia un commento