Al momento stai visualizzando Cilento: trekking all’Inghiottitoio di Vallivona

Cilento: trekking all’Inghiottitoio di Vallivona

Escursione sul Monte Cervati zaino in spalla

All’interno del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, nel suggestivo ambiente naturalistico del Monte Cervati si aprono scenari ancora sconosciuti alle popolazioni cilentane. Troppo spesso focalizziamo gli occhi su altro, senza conoscere a fondo il proprio territorio e ciò che ci circonda. Ecco il perché di questo articolo, per spingere sempre più persone a visitare il Cilento zaino in spalla in maniera sostenibile, il miglior modo per apprezzare il comprensorio cilentano che lentamente cerca di esplodere al livello turistico, sempre più bloccato da una lenta burocrazia e da una rete di trasporto pubblico che non soddisfa il fabbisogno turistico.

Trekking nel Cilento sul Monte Cervati per raggiungere l'Inghiottitoio di Vallivona - blog di viaggi
All'interno dell'affondatore di Vallivona sul Monte Cervati nel Cilento - blog di viaggi

Vi sto parlando dell’escursione all’Inghiottitoio di Vallivona, o Affondatore di Vallivona, incastonato nel Monte più alto delle Campania, in una vallata ricca di flora e fauna con una morfologia tipica di un ambiente carsico, con inghiottitoi, sorgenti freschissime e corsi d’acqua temporanei. Un itinerario zaino in spalla percorribile in totale autonomia, magari con un gruppo di amici oppure in famiglia, sempre nel rispetto delle regole della montagna. Sono due i percorsi per raggiungere l’Inghiottitoio di Vallivona, uno breve di 5 km a/r esclusivamente proiettato alla visita dell’Affondatore, uno lungo più completo e sicuramente più faticoso che unisce una vasta gamma di sentieri da fare nel Cilento; rimane senza dubbio uno dei migliori trekking sul monte Cervati.

L'ambiente naturalistico dell'Inghiottitoio nel Cilento - blog di viaggi
Una cascata paradisiaca da visitare nel Cilento sul Monte Cervati - blog di viaggi

Come raggiungere l’Inghiottitoio di Vallivona

In auto, per chi proviene da Napoli percorrere l’autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria con uscita Padula/Buonabitacolo proseguendo in direzione di Sanza/ Rofrano. Ecco le possibili soluzioni per raggiungere l’Inghiottitoio di Vallivona:

  • percorso breve: da Sanza si percorre la S.S.18 b in direzione Rofrano per circa 10 km seguendo le indicazioni per il Monte Cervati fino al punto indicato sulla mappa utilizzando le seguenti coordinate. Da qui, svoltare a destra verso l’insegna “Monte più alto della Campania“. La strada è asfaltata per un primo tratto, poi diventa sterrata ma sempre percorribile. Dopo circa 6 km vi ritroverete in questo punto, che sarà il vostro “start” da dove inizierà la passeggiata tutta in discesa fino all’imbocco della galleria;
Cosa vedere nel Cilento - Blog di viaggi
  • percorso lungo: da Sanza si percorre la S.S.18 b in direzione Rofrano: in prossimità del ponte Inferno dopo circa 4 km di tragitto, vi è un cartello naturalistico ad indicare l’inizio del sentiero AVCA che vi porterà fino all’Inghiottitoio. Da questo punto partono altri sentieri di trekking per il Monte Cervati per raggiungere la vetta ed il rifugio.

Per il percorso breve, parcheggiata la macchina in posizione da non intralciare il traffico dei boscaioli, basterà seguire le indicazioni per l’Affondatore di Vallivona fino all’ingresso del tunnel, che durante la stagione invernale-primaverile ed autunnale sarà sicuramente pieno d’acqua (è consigliabile munirsi di stivali di gomma o dei sacchi in plastica abbastanza resistenti e di una maglia pesante). La galleria è lunga circa 500 m ma percorribile in totale sicurezza su fondo compatto e privo di buche. Per chi soffre di claustrofobia l’uscita è ben visibile dall’ingresso.

La vegetazione tropicale all'interno dell'Affondatore di Vallivona nel Cilento - blog di viaggi
Il tunnel per raggiungere l'Inghiottitoio di Vallivona sul Monte Cervati - blog di viaggi

Una volta terminata la galleria davanti ai vostri occhi si aprirà uno scenario incredibile e surreale; sembrerà di entrare all’interno di una foresta pluviale nel Cilento con una vegetazione diversa dal paesaggio incontrato lungo il sentiero. E’ sbalorditiva la natura: enormi pareti a strapiombo proietteranno la vostra vista verso il cielo. Natura incontaminata, panorami mozzafiato e un paesaggio unico per una giornata all’insegna del relax; escursione di trekking nel Cilento sul Monte Cervati da fare durante tutto l’anno: vieni a scoprire altri sentieri cilentani.

Attrezzatura da trekking, cosa portare nello zaino:

Abituatevi a viaggiare leggeri sopratutto in montagna dove gli sforzi sono maggiori e la fatica aumenta chilometro dopo chilometro. Il percorso breve non richiede un grosso carico dietro le spalle. Elenco una serie di cose essenziali per la vostra escursione:

  • scarponcini da trekking meglio se in gorotex: alcuni passaggi, oltre la galleria, sono abbastanza umidi e continuare un escursione con piedi bagnati non è il massimo del comfort;
  • stivali in gomma (o buste di plastica resistenti): necessari ma non obbligatori per il passaggio in galleria;
  • torcia (preferibile quella da minatore);
  • bastoncini telescopici o in alternativa un bastone resistente recuperato durante il sentiero senza però intaccare nuovi arbusti;
  • Borraccia in alluminio da 1.5 l;
  • pranzo a sacco preferibilmente senza insaccati;
  • macchina fotografica;
  • binocolo: a volte la natura regala il passaggio di esemplari non visibili in luoghi urbani;
  • tutto quello che è superfluo lasciarlo a casa!
Riserva della Biosfera nel Cilento - blog di viaggi

Scheda tecnica Inghiottitoio Vallivona

  • Punto di partenza percorso: Sanza, dalla Fontana dell’Inferno (Percorso lungo) e Colle del Pero (percorso breve);
  • Dislivello percorso breve: 200 m Tempo totale: 1 h;
  • Difficoltà percorso lungo: medio-alta;
  • Difficoltà percorso breve: bassa;
  • Lunghezza percorso lungo: circa 12 km Andata/Ritorno (EE- Escursionisti Esperti);
  • Lunghezza percorso breve: circa 5 km a/r (Turistico, adatto a tutti);
  • Tipo di percorso: Mulattiera.

Altre escursioni da fare nel Cilento

Il Cilento è molto altro ancora con le sue intramontabili bellezze, per certi versi ancora sconosciute alla popolazione. Per chi si reca per la prima volta nel Cilento due sono i must da visitare assolutamente: escursione alle Cascate dai Capelli di Venere e visita all’Oasi di Morigerati con guide esperte. Le due località sono abbastanza vicine tra loro ed è possibile scoprirle insieme in un’unica giornata.

Trekking nel Cilento cammino di San Nilo - Blog di viaggi

Viaggiare sostenibile nel Cilento

Il primo consiglio che voglio darvi, e che ribadisco ogni volta che racconto una delle mie avventure, è quello di rispettare l’ambiente circostante, la natura e tutti i luoghi che visitate, lasciandoli esattamente come li avete trovati, anzi, se lo ritenete opportuno anche meglio. Sono dell’avviso che non bisogna lasciare alcuna traccia del proprio passaggio; nella speranza che l’articolo vi sia piaciuto, vi lascio con questa citazione che troverete all’ingresso della galleria:

Escursione monte Cervati - Blog di viaggi

…attingete dai tesori della natura ma che continuino a risplendere dopo di voi per tutti gli altri

Ti è piaciuta la mia esperienza?

Voto medio 4.4 / 5. Voti totali: 7

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Lascia un commento