Al momento stai visualizzando Escursione alle Gole di Fara San Martino

Escursione alle Gole di Fara San Martino

Trekking nelle Gole di Fara San Martino in Abruzzo

Camminare all’interno delle Gole di Fara San Martino riporta alla mente lo splendido viaggio zaino in spalla in Giordania. La Petra d’Abruzzo come spesso viene soprannominata, rievoca lo spettacolare passaggio tra pareti rocciose che si stringono e si allargano in maniera sinusoidale. Chi attraversa le gole per la prima volta può scoprire la grandezza della natura con una suggestione davvero unica. Il tratto che si snoda a contatto con le pareti è molto breve ma intenso; da provare l’esperienza di notte nelle Gole di Fara San Martino trasportati dalla luce soffusa dei faretti.

Il Monastero nelle Gole di Fara San Martino - Blog di viaggi

Come raggiungere le Gole di Fara San Martino

E’ un’escursione di trekking in Abruzzo che può essere realizzata in solitaria ed in autonomia senza alcun problema: il piccolo canyon è illuminato e ben visibile anche nelle ore notturne con uno scenario totalmente diverso. Si può raggiungere il Monastero di S.Martino in Valle in appena 20 minuti di passeggiata dal parcheggio macchine. I cartelli stradali sono ben posizionati senza possibilità di perdersi. Lo scenario che si aprirà davanti è unico nel suo genere, un valore architettonico-naturalistico da preservare nel tempo con rispetto e sensibilizzazione. Viaggiare in maniera sostenibile in Abruzzo si può e deve essere fatto con rigore.

Le Gole si trovano nell’omonimo paese di Fara San Martino in provincia di Chieti. A due chilometri dal centro un comodo parcheggio vi accoglierà per parcheggiare la vostra auto e proseguire a piedi seguendo le indicazioni per il Monastero. In circa 20 minuti sarete catapultati in uno scenario surreale: prima un breve tratto all’interno del Siq, poi la splendida vista sul quel che resta del Monastero.

Attività sportive nelle Gole di Fara San Martino

Un’altra attività da fare presso le gole di Fara San Martino è l’arrampicata sportiva. Non sono un esperto ed appassionato di pareti, ma il consiglio è sempre quello di farlo con persone esperte e professionisti del settore. Il Climbing in Abruzzo è molto ricercato in questa zona, occasione unica per arrampicarsi sulle falesie locali in totale sicurezza e con guide esperte e preparate. Le Gole di Fara San Martino sono anche uno dei tanti punti di partenza per raggiungere la vetta del Monte Amaro.

Attraversare le Gole di Fara San Martino - Blog di viaggi
Passeggiando nelle gole di Fara San Martino - Blog di viaggi

Cosa portare nello zaino da viaggio:

E’ un’escursione breve e molto facile da affrontare senza zaino. Per chi come me ha sempre bisogno di avere il proprio compagno di viaggio sulle spalle, consiglio poche semplici cose da portare:

  • scarponcini da trekking non necessari se si decide di fermarsi al Monastero;
  • casco protettivo da portare sempre in testa;
  • Borraccia in alluminio con almeno 2 litri d’acqua nei periodi estivi;
  • pranzo a sacco preferibilmente senza insaccati;
  • macchina fotografica;
  • binocolo: è sempre interessante portarselo dietro, a volte la natura regala avvistamenti incredibili;
  • Cappello e crema solare;

Cosa vedere nei dintorni delle Gole di Fara San Martino

A mezz’ora di macchina dalle Gole di Fara San Martino si trova un borgo scavato nella roccia, chiamato anche la piccola Matera d’Abruzzo. Il suo nome è Pennapiedimonte con poco meno di 500 abitanti situato nel Parco Nazionale della Majella. Visitare il borgo a piedi è una necessità in quanto è l’unica soluzione per scoprirlo in maniera sostenibile; parcheggiata la macchina all’ingresso del paese si raggiunge comodamente la piazza principale antistante la Parrocchia di San Silvestro; da qui inizierà il vostro viaggio nel borgo a passo lento e nel rispetto dei luoghi e delle persone.

Il borgo di Pennapiedimonte scavato nella roccia - blog di viaggi

Cosa vedere nel Borgo di Pennapiedimonte

La sua caratteristica principale è quella di essere adagiato interamente sulla roccia e molte delle sua abitazioni sono delle vere e proprie grotte che rievocano la Città di Matera. Negli anni passati Pennapiedimonte era un fiorente borgo di artigiani che lavoravano la pietra a suon di scalpello, oggi la maggior parte di quelle botteghe sono chiuse. All’interno dei suoi vicoli si respira un’aria tranquilla che vi condurrà sulla sommità del borgo con una passeggiata tutt’altro che leggera. Una volta raggiunto il belvedere sedetevi comodamente sulle panchine, rilassatevi ed osservate il meraviglioso paesaggio. Questo è un punto di partenza per numerosi sentieri di trekking per raggiungere la Majella. Poco più in alto c’è il Balzolo, il balcone d’Abruzzo raggiungibile in 10 minuti con una vista mozzafiato sulla costa abruzzese. Ecco una lista delle principali cose da vedere nel borgo di Pennapiedimonte:

  • Chiesa dei Santi Silvestro e Rocco;
  • Torre romana con il museo sulla necropoli Italica;
  • antichi frantoi ricavati nella roccia;
  • la cava delle pile dell’olio;
  • le sculture degli scalpellini;
  • Il Balzolo ed i suoi sentieri.
Scorcio dal borgo di Pennapiedimonte - blog di viaggi

Ti è piaciuta la mia esperienza?

Voto medio 4.6 / 5. Voti totali: 11

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Lascia un commento