Al momento stai visualizzando Trekking Piana del fiume – Eremo Santa Colomba

Trekking Piana del fiume – Eremo Santa Colomba

Escursione di trekking in Abruzzo: Eremo di Santa Colomba e Cascata Vena Rossa

Quest’escursione di trekking in Abruzzo nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga è adatta a tutti gli amanti della natura, per un’immersione totale all’interno del fitto bosco di faggi che sale con una pendenza costante fino a quota 1250 m. L’itinerario a piedi e zaino in spalla parte dallo spazio pic-nic nell’area naturalistica di Piana del fiume per raggiungere l’Eremo di Santa Colomba, e nel riscendere segue verso la Cascata di Vena Rossa attraversando cunicoli scavati all’interno della roccia protetti da cavi in acciaio, all’interno dei quali la forza dell’acqua riesce a creare giochi di luce unici nel suo genere a testimonianza che tale attrazione è unica in Abruzzo.

Lo splendido paesaggio nel Parco Nazionale del Gran Sasso per raggiungere l'Eremo di Santa Colomba - blog di viaggi

Come raggiungere il punto di partenza per l’Eremo di Santa Colomba

L’uscita autostradale è San Gabriele-Colledara sia in direzione L’Aquila che Teramo e si prosegue per Isola del Gran Sasso fino al punto indicato sulla mappa; all’incrocio si svolta a destra per Piane del fiume percorrendo una strada sterrata per 2 chilometri fino all’area pic-nic (prima di raggiungere l’area dovrete attraversare due piccoli ponticelli). Parcheggiata la macchina nell’antistante area dedicata si lascia il fontanile per entrare nel sentiero sulla sinistra oltrepassando il fiume in direzione dell’Eremo.

il percorso scavato nella roccia messo in sicurezza con funi in acciaio per arrivare alla cascata di vena rossa - blog di viaggi
raggiungere Vena Rossa da Piana del fiume - blog di viaggi
il sentiero scavato nella roccia per raggiungere i cunicoli di Vena Rossa in Abruzzo - blog di viaggi

Sentiero Piana del Fiume-Eremo Santa Colomba-Vena Rossa

Dal cartello di Santa Colomba il percorso è totalmente immerso nel sottobosco con un profumo inebriante che cambia in ogni stagione. La salita è molto dura nei primi venti minuti senza lasciare tratti pianeggiati per recuperare il fiato. Durante l’ascesa, a circa metà del percorso, memorizzate due incroci che si inoltrano sulla sinistra, di cui uno segnalato dall’omino di pietra (foto in basso) dal quale devierete riscendendo per raggiungere la Cascata di Vena Rossa. Portatevi sulla vetta fino all’Eremo e non dimenticatevi di suonare la campana che è stata recentemente rimessa in funzione. Riposatevi e riprendete la strada in discesa fino al punto dove si biforcano i sue sentieri (lo ritroverete sul lato destro).

indicazioni per raggiungere l'Eremo di Santa Colomba in Abruzzo - blog di viaggi
Raggiungere l'Eremo di Santa Colomba con un escursione di trekking in Abruzzo - blog di viaggi
Inizio del sentiero per raggiungere la cascata di Vena rossa - blog di viaggi

Dall’incrocio fino alla Cascata di Vena Rossa il percorso è un falso piano molto scorrevole senza troppe difficoltà. Prima di arrivare al sentiero scavato nella roccia incontrerete una cabina dell’Enel e subito dopo sulla destra questo serpentone protetto da cavi in acciaio fino all’ingresso dei cunicoli. Davanti al cancello di colore verde c’è da fare una considerazione: spesso il lucchetto viene rotto per entrare all’interno dell’attrazione più bella ed interessante di questa escursione; prima di partire provate a chiedere informazione circa l’accesso e l’apertura all’Amministrazione separata dell’antica Università di Pagliara (numeri di telefono in foto allegata).

numeri informativi per l'escursione Vena Rossa ed Eremo S. Colomba - blog di viaggi

Scheda tecnica Eremo Santa Colomba-Vena Rossa

  • Punto di partenza percorso: località Piana del Fiume (TE);
  • Dislivello percorso : salita totale 400 m, discesa totale 360 m;
  • Difficoltà percorso: E;
  • Lunghezza percorso: circa 4 km a/r passando anche per Vena Rossa
  • Tempo di percorrenza: due ore;
  • quota massima: 1250 m;
  • Tipo di percorso: Sentiero – segnalato sporadicamente in quanto il tracciato a terra è ben evidente;
  • fonti d’acqua: una bel fontanile prima di iniziare la salita;
tabellone con i percorsi in partenza da piana del fiume verso l'eremo di santa colomba - blog di viaggi

Attrezzatura e zaino in spalla:

  • scarponcini da trekking;
  • bastoncini telescopici;
  • Borraccia in alluminio da 2 l;
  • pranzo a sacco preferibilmente senza insaccati;
  • macchina fotografica e binocolo;
  • Vestiario: adatto alla stagione, con ricambi in caso di necessità;
  • tutto quello che è superfluo lasciarlo a casa!

Viaggiare sostenibile in Abruzzo

Il primo consiglio che voglio darvi, e che ribadisco ogni volta che racconto una delle mie avventure, è quello di rispettare l’ambiente circostante, la natura e tutti i luoghi che visitate, lasciandoli esattamente come li avete trovati, anzi, se lo ritenete opportuno anche meglio. Sono dell’avviso che non bisogna lasciare alcuna traccia del proprio passaggio; nella speranza che l’articolo vi sia piaciuto, resto a disposizione per tutte le altre informazioni tecniche sia per l’escursione all’Eremo di Santa Colomba sia alle Cascate di Vena Rossa con il tracciato gps da me registrato.

Ti è piaciuta la mia esperienza?

Voto medio 4.5 / 5. Voti totali: 19

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Questo articolo ha 4 commenti

  1. Daniele zabeo

    È un posto fantastico da come lo descrivi

    1. Fabio Sansone

      Grazie! Lo è davvero, peccato di non aver trovato aperto il cunicolo altrimenti sarebbe stato un luogo davvero incredibile, unico in Abruzzo.

  2. Dario

    Siamo in Abruzzo in questi giorni, volevamo vedere la cascata del Ruzzo, sopra Isola del Gran Sasso, ma non siamo in riusciti ad arrivare.
    Le indicazioni in paese erano presenti, ma quando arrivi sul un posto non c è più un indicazione. Niente bandierine CAI o cartelli di alcun genere… come noi, tanti altre persone che volevano raggiungere la cascata hanno rinunciato perché non hanno trovato indicazioni….
    Peccato…così pubblicizzato per la meraviglia da vedere e poi, la delusione….
    Speriamo che l Abruzzo non sia tutto cosi…..

    1. Fabio Sansone

      Ciao Dario, che io sappia la cascata del Ruzzo fino all’anno scorso era interdetta. Molti si intrufolano, come in altre meraviglie abruzzesi chiuse per motivi di sicurezza che purtroppo, ahimè, rimangono cosi… e la colpa non è nostra ma di chi dovrebbe gestire il territorio.
      Spero posso aiutarti in qualche modo

Lascia un commento