Al momento stai visualizzando Trekking da Campotosto alle Cento Fonti

Trekking da Campotosto alle Cento Fonti

Escursione zaino in spalla per raggiungere la Valle delle Cento Fonti

Con le loro acque che scorrono su lastroni in arenaria, i Monti della Laga offrono spettacoli particolarmente suggestivi in ogni stagione. Su tutti i versanti abbondano di cascate, gole e torrenti. Quello più spumeggiante lo incontriamo ai piedi del Monte Gorzano, nella valle di Cesacastina lungo il fosso dell’acero. Fu Carlo Landi Vittorj negli anni ’50 a soprannominarle “Valle delle Cento Cascate“. Ci sono diversi modi per raggiungere le Cento Cascate e questo itinerario di trekking in Abruzzo è sicuramente uno dei più affascinanti.

Panorama sul lago di Campotosto - blog di viaggi
Lago di Campotosto dal sentiero Fonte Pane e Cacio.

Sentiero da Campotosto alla Valle delle Cento Fonti

Si parte dalla località “Il mulino” nei pressi dell’abitato di Campotosto seguendo il sentiero che porta alla “fonte Pane e Cacio” per circa due ore e trenta. Ma prima di iniziare a salire, date un’occhiata ad un piccolo angolo di paradiso in Abruzzo: la Cascata di Rivotico (non è segnalata ma posso aiutarvi a trovarla contattandomi in privato). Proseguendo verso nord, un primo tratto abbordabile segue un’antica mulattiera per poi inerpicarsi nel fitto bosco di pini: si attraversano due versanti prima di arrivare a quota 2000 mt nei pressi di Sella Laga.

escursioni di trekking in partenza dal lago di campotosto - blog di viaggi
Inizio del sentiero per la Valle delle Cento Fonti.
cascata da vedere in Abruzzo - blog di viaggi
Cascata di Rivotico a Campotosto.

Da qui in poi inizia una lunga e lenta discesa verso la Valle delle Cento Fonti con panorami verso il Gran Sasso davvero incredibili. Dopo circa 30 minuti dalla fonte Pane e Cacio, al bivio utilizzate il sentiero di sinistra che vi proietterà direttamente verso lo stazzo delle cascate (seguite i paletti in ferro). Questo itinerario proposto è ad anello, adatto a chi è abituato a camminare in montagna per molte ore, ma organizzandosi in maniera diversa è possibile raggiungere l’abitato di Cesacastina attraversando tutto il fosso dell’acero in discesa evitando così di ritornare nello stesso punto di partenza.

Video realizzato con partenza da Campotosto.

Scopri tutte le altre attività da fare al lago di Campotosto in tutte le stagioni, luoghi da vedere ed intrattenimenti con tutta la famiglia per un weekend sostenibile in Abruzzo.

fotografare il lago di campotosto ghiacciato - blog di viaggi

Attrezzatura da trekking, cosa portare nello zaino:

Abituarsi a viaggiare leggeri è il primo passo per sentieri liberi da tutte quelle comodità che il mondo di oggi ci rende prigionieri, soprattutto in montagna, dove gli sforzi sono maggiori e la fatica aumenta chilometro dopo chilometro. Questa escursione non richiede grossi carichi nello zaino; ecco una lista di cosa fondamentali da portare con se:

  • scarponcini da trekking meglio se in gorotex: alcuni passaggi sono da effettuarsi in acqua;
  • bastoncini telescopici o in alternativa un bastone resistente recuperato durante il sentiero senza però intaccare nuovi arbusti;
  • Borraccia in alluminio almeno 2 litri d’acqua: non sono presenti fonti d’acqua lungo il tragitto;
  • pranzo a sacco preferibilmente senza insaccati;
  • macchina fotografica;
  • binocolo: a volte la natura regala il passaggio di esemplari non visibili in luoghi urbani;
  • tutto quello che è superfluo lasciarlo a casa!

Scheda tecnica Valle delle Cento Fonti

  • Punto di partenza percorso: località “il Mulino” – Campotosto;
  • Dislivello percorso : 1200 m;
  • Difficoltà percorso: EE;
  • Lunghezza percorso: circa 20 km a/r;
  • Tempo percorso: 10 ore a/r;
  • Tipo di percorso: Sentiero, segnalato con cartelli, strisce bianche/rosse e paletti in ferro;
  • tracce GPS: sono disponibili le tracce contattandomi in privato;

Viaggiare sostenibile in Abruzzo

Il primo consiglio che voglio darvi, e che ribadisco ogni volta che racconto una delle mie avventure, è quello di rispettare l’ambiente circostante, la natura e tutti i luoghi che visitate, lasciandoli esattamente come li avete trovati, anzi, se lo ritenete opportuno anche meglio. Sono dell’avviso che non bisogna lasciare alcuna traccia del proprio passaggio; nella speranza che l’articolo vi sia piaciuto, resto a disposizione per tutte le altre informazioni e consigli.

Ti è piaciuta la mia esperienza?

Voto medio 2.8 / 5. Voti totali: 4

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Lascia un commento