Al momento stai visualizzando Come organizzare un viaggio in Georgia

Come organizzare un viaggio in Georgia

Viaggio zaino in spalla in Georgia

Il mio viaggio zaino in spalla nel Caucaso è partito da Baku, per concludersi in Armenia, passando proprio dalla Georgia, uno Stato al confine con entrambe, ancora in conflitto tra di loro ormai da decenni. Viaggiare con lo zaino in spalla in Georgia consente di avere una grande flessibilità negli spostamenti. E’ molto facile viaggiare in solitaria in Georgia; il popolo italiano è molto amato, ognuno tenderà la propria mano in caso di aiuto.

La Georgia è una nuova terra da esplorare, una nuova frontiera Europea in rampa di lancio nel turismo che conta, dove ancora oggi il costo della vita è molto basso, anzi bassissimo per i nostri canoni, dove l’originalità delle cose è all’ordine del giorno. La Georgia incarna perfettamente il desiderio dei viaggiatori zaino in spalla, unendo una natura selvaggia e tradizioni millenarie. Scoprire la Georgia vi porterà ad ammirare una nuova dimensione, ad essere umili e rispettare il prossimo.

Scoprire le chiese ed i monasteri della Georgia - blog di viaggi
Passeggiando per le strade del centro storico di Tbilisi - blog di viaggi

Come raggiungere la Georgia dall’Italia

La Georgia oggi, è sempre più vicina all’Italia grazie a voli low-cost per la capitale Tbilisi e Kutaisi. Volare in Georgia dall’Italia è molto facile ed economico, ma sopratutto si raggiunge un Paese sicuro ed accogliente. Raggiungere la Georgia passando per il confine terrestre con l’Azerbaigian è molto semplice; non ho avuto grossi problemi ai controlli passaporti: dal lato azero qualche domanda superflue inerente alla mia nazionalità e passaporto, dal lato georgiano praticamente nulla. Si può anche raggiungere la Georgia dall’Armenia, ma questo comporterà qualche problema con il timbro nel caso di un futuro viaggio in Azerbaigian. Qualunque sia il vostro itinerario, il mio consiglio è di avere sul passaporto sempre per primo il timbro azero rispetto a quello armeno.

Zaino in spalla di Fabio Sansone - Blog di viaggi

Come visitare la Georgia in maniera sostenibile

Visitare la Georgia in maniera sostenibile si può, come in tutti i Paesi del Mondo il viaggio sostenibile sta superando di gran lunga la classica vacanza da turista. Viaggiare in maniera sostenibile è l’unico modo per vivere a pieno un luogo, sopratutto se di questo posto si conosce ben poco. La Georgia è poco conosciuta, come tutto il territorio del Caucaso. Uno dei tanti motivi che mi han spinto ad effettuare questo viaggio è stato proprio questo: andare alla scoperta di territori inesplorati e lontani, spero ancora per molto, dal turismo di massa.

Scoprite le escursioni più interessanti del Paese: prenotate i migliori tour da fare in Georgia!

Architettura ex-sovietica in Georgia - blog di viaggi

Sono arrivato nella capitale Tbilisi attraversando il confine terrestre con l’Azerbaigian tra Balakan e Lagodekhi, usando esclusivamente mezzi pubblici. Tra i due Paesi c’è un abisso e lo si nota non appena si varca il “border control”. Tbilisi non è una grande città ed è possibile visitarla comodamente a piedi in due giorni, per poi dedicarsi ai dintorni, per assaporare l’autenticità georgiana. Sono proprio i sobborghi ed i villaggi a ridosso della capitale che fanno della Georgia un Paese tutto da vivere. Usare come base Tbilisi per i vostri spostamenti è una delle scelte che ho adottato. In termini di distanza la Georgia è abbastanza piccola e comoda da visitare utilizzandola come base per la notte.

Attraversare il confine terrestre tra Azerbaigian e Georgia - blog di viaggi

Come spostarsi in Georgia? Per chi ancora non ha avuto a che fare con i Paesi ex-sovietici, il termine marshutka entrerà a fatica nella vostra testa, sopratutto per la pronuncia. Sono i mini bus popolari, capaci di raggiungono qualsiasi zona, anche le più remote a costi davvero irrisori. Con questi mezzi pubblici ho raggiunto villaggi nei dintorni di Tbilisi. Partono nella stra maggioranza dalla stazione Didube, raggiungibile facilmente con la metro da qualsiasi punto della città. Qui bisognerà chiedere a chiunque dove sia posizionata la marshutka per Mtskheta e la marshutka per Gori. Consiglio anche di scrivere su di un pezzo di carta il nome della destinazione in lingua georgiana aiutandovi con il traduttore. A bordo la gente ti guarderà con aria sorpresa, ma pronta ad aiutarvi per qualsiasi cosa. Il vero viaggio è anche questo.

Cosa visitare nei dintorni di Tbilisi

Ho soggiornato a Tbilisi 5 giorni, utilizzando la capitale come punto di appoggio per il mio viaggio zaino in spalla in Georgia. Tbilisi è visitabile comodamente in 2 giorni, perdendosi tra le vie del Legvtakhevi, ammirando il contrasto tra le moderne architetture realizzate negli ultimi anni ed i quartieri ancora in degrado post terremoto. La Georgia vanta di un efficace sistema di trasporto pubblico, sia su gomma che su ferro, ed è molto utilizzato dalla popolazione locale in quanto molto economico. La marshutka è il mezzo più utilizzato per spostamenti sia all’interno che all’esterno del territorio nazionale. Questi autobus popolari partono quando sono pieni, ma solitamente si riempiono in pochi minuti.

Il ponte della Pace a Tbilisi in Georgia - blog di viaggi
La moderna architettura di Tbilisi in Georgia - blog di viaggi
Viaggio nei quartieri di Tbilisi in Georgia - blog di viaggi

Si può raggiungere il Monastero di Jvari da Tbilisi ed ammirare la confluenza dei fiumi Mt’k’vari e Aragvi, oppure la città di Gori città natale di Stalin. Kutaisi invece può essere raggiunta anche in treno, magari per provare l’esperienza dei treni georgiani. Insomma da Tbilisi si può raggiungere qualsiasi punto di interesse, viaggiando in maniera sostenibile utilizzando qualsiasi mezzo pubblico ed interagire con la gente del posto; spesso le migliori esperienze e conoscenze le facciamo a bordo con la collettività locale. Inoltre, per chi non avesse abbastanza tempo a disposizione ma vorrebbe assaggiare un pizzico di cultura armena può farlo con un’esperienza unica, optando per un escursione in Armenia da Tbilisi visitando i monasteri più affascinanti del Paese.

Fabio Sansone in visita al Monumento dell'Amicizia tra Russia e Georgia sul monte Kazbegi - blog di viaggi

Cosa mangiare in Georgia

La scelta culinaria è vasta e molto assortita. Le città sono piene di mercati e piccole botteghe dove poter assaggiare prodotti locali ma sopratutto degustare ottimi vini. Adoro muovermi all’interno dei mercati, fare amicizia con i venditori locali e comprare qualcosa da loro, favorendo l’economia locale, ma sopratutto vederli sorridere. Spesso non conoscono la lingua inglese, ma si riesce sempre a comunicare. La padrona di casa non spiccicava una lettera, ma aveva sempre il sorriso stampato sul volto; cucinava dalla mattina alla sera e la mia colazione georgiana era a base di carne e cognac, si avete capito bene! Per strada assaggiavo di tutto, come amante dello street food di qualsiasi popolo.

Churchkhela, la caramella georgiana a forma di candela - blog di viaggi

A primo impatto sembrerebbero delle salsicce nostrane, invece la Churchkhela a forma di candela è la caramella tipica georgiana, esposta fuori da qualsiasi tipo di bottega o nei carrelli ambulanti lungo le strade. Il Khachapuri invece è il piatto tipico per eccellenza, attorno ad esso ruotano tradizioni ed una lavorazione attenta e minuziosa. Questa in foto è una delle tantissime varianti con cui può essere realizzato questo piatto; sono ben 53 le varianti di Khachapuri, dove ogni regione possiede la sua. Ne ho assaggiate un paio, sono deliziosissime, utilissime per evitare di mangiare e fermarsi nei ristoranti e costano poco più di un euro.

Cosa mangiare in Georgia come piatto tipico della tradizione - blog di viaggi

Quando andare in Georgia

Il periodo ideale per andare in Georgia o nel Caucaso è primavera inoltrata, da maggio in poi, per godersi a pieno delle sue montagne e spazi verdi. Ho effettuato il mio viaggio in Georgia a Dicembre, il clima era fresco non freddo, qualche spolverata di bianco sulle catene montuose del Caucaso. Clima piacevole per chi è abituato come me a vivere in città fredde.

Cose utili da sapere per un viaggio in Georgia

  • Moneta: Il Lari georgiano è la moneta attualmente in vigore in Georgia con valore di 0.25 euro; i cambi possono essere fatti in qualsiasi Exchange all’interno del Paese controllando sempre che siano applicate zero commissioni;
  • Documenti: La documentazione necessaria per entrare in Georgia da turista è valida per un massimo un anno. Attualmente l’ingresso per i cittadini italiani è consentito anche con carta d’identità purché si transiti da Paesi Schengen. Per restare sempre aggiornati consiglio di leggere attentamente eventuali novità su Viaggiare Sicuri;
  • Rete telefonica ed Internet: le reti internet wi.fi. si trovano in abbondanza in tutto il Paese ma alla data del viaggio (gennaio 2020) il roaming europeo non era ancora attivo; in alternativa è possibile richiedere una scheda georgiana gratuitamente all’arrivo in aeroporto o comprarla in qualsiasi shop nel centro città.

Ti è piaciuta la mia esperienza?

Voto medio 5 / 5. Voti totali: 6

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Questo articolo ha un commento

  1. Tiziano

    Per me è gente meravigliosa allo stesso tempo ritengo più civili gli animali rispetto agli automobilisti assomigliano molto agli abitanti di alcune regioni italiane educazione sei allo zero strade e autostrade sono paragonabili a circuiti di F 1 , c’è la polizia come se è assente.

Lascia un commento